1984, OVVERO COME NASCE UN MAGAZINE

Perchè inaugurare un magazine parlando di censura? E soprattutto, perché in un periodo nel quale il mercato editoriale pare essere agonizzante, si decide di creare un giornale che, per giunta, viaggerà solo online?

Sono gli interrogativi dai quali noi di Metis Magazine siamo partiti quando ha preso il via quest’avventura che, in modo puramente casuale, ha visto costruire le sue fondamenta il giorno in cui il giornale turco Zaman è stato commissariato.

La situazione attuale, per quanto riguarda il giornalismo, è tragica. Infatti, secondo RSF l’Italia è al 77° posto nella classifica 2015 sulla libertà di stampa.

metis 2

La consapevolezza che nella società attuale, nell’era delle connessioni e delle comunicazioni infinite, nel secolo della globalizzazione e del libero mercato, vi siano ancora dati allarmanti riguardo, non solo la libertà di stampa, ma anche la censura, soprattutto nei paesi occidentali, ci ha portato a riflettere e a chiederci se quanto scritto da George Orwell nel romanzo 1984, fosse solo frutto della sua creatività o una vera e propria profezia.

Ci siamo anche chiesti, perché nel 2016, si ha ancora l’esigenza di mettere un bavaglio, non solo ai cittadini, ma anche al libero giornalismo e all’informazione, nonostante ci si illuda di vivere nell’universo delle opinioni sovrane e della libertà conquistate.

E, proprio partendo da questi e altri interrogativi, per il quale non esiste né risposta certa né soluzione univoca, noi di Metis abbiamo pensato di offrire, a chi avrà il piacere di leggere il nostro primo numero, un excursus sul tema della censura, spaziando dalla storia all’attualità e passando per arte, cultura e tanto altro, rimarcando il concetto secondo cui, ciò che accade oggi è lo specchio di quanto è accaduto ieri e altrove.

Tutto questo verrà fatto dalla redazione di Metis Magazine senza presunzione e offrendo al lettore quel taglio fresco e innovativo che solo un gruppo giovane ma competente può dare.

L’idea che il giornalismo non debba avere né filtri né barriere e che debba essere una professione praticata, soprattutto, da chi ha passione e voglia di conoscere e far conoscere, senza che le logiche di potere o profitto siano preponderanti, è alla base di Metis Magazine.

Questo è il cardine attorno a cui ruota il gruppo editoriale, il quale, ogni quindici giorni, cercherà di offrire al lettore notizie e approfondimenti sempre attenti, attuali e ricercati ma tenendo di continuo a mente quella massima coniata da Joseph Pulitzer, ideatore del più celebre premio giornalistico al mondo: «Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce».

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta questo post”]

 

Valentina Nesi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...