RUBRICHE

HO CAPITO DI ESSERE POLY: poliamore e gelosia nelle relazioni di coppia

Sono un maschio etero sulla sessantina e sono sposato da 30 con una donna leggermente più grande di me. Il sesso con mia moglie non è mai andato bene, soprattutto dopo la nascita dei nostri due figli. Sono un amante abile e attento, ma mia moglie non è mai stata attratta dall’intimità con me. Nel frattempo, ho sempre sentito istintivamente di non essere portato per la monogamia. Quando è venuto fuori l’argomento relazioni extraconiugali, mia moglie e io siamo arrivati a un passo dal divorzio. Poi, però, abbiamo deciso di rimanere insieme. In fin dei conti ci amiamo ed è meglio così: per i figli e per i soldi. Mia moglie mi ha fatto capire che non mi avrebbe fatto una colpa per le mie scappatelle e così ho iniziato a frequentare altre persone. Poi, alcuni anni fa ho conosciuto una donna più giovane di me. Io sono il suo capo e questo ha scatenato subito la mia fantasia. Il sesso fra noi va alla grande, ci piacciono i giochi e ci piace sperimentare, da soli e con altri. La nostra, però, è anche una relazione stabile, che va avanti da diversi anni e ci coinvolge anche a livello emotivo. Dopo avere conosciuto questa donna, ho finalmente capito che tipo di persona sono: io sono “poly” e ora sono felice! Il punto, però, è che mia moglie non accetta una relazione a tre e i miei figli, ormai adulti, sono letteralmente indignati quando giro in compagnia di moglie e compagna agli eventi che coinvolgono famiglia e amici. Vivo in un piccolo centro del sud Italia, dove tutto va bene finché l’altra è l’amante, ma di polyrelazioni neanche a parlarne. Sarò costretto a liquidare la mia felicità per le convenzioni sociali?

(Poly del Sud)

 

Caro Poly del Sud, il fatto che tu sia giunto da solo a questa conclusione è già di per sé una grandissima cosa, quindi, non ti lasciar condizionare dal contesto nel quale vivi e soprattutto dalle opinioni degli altri.

Resta da dire, però, che per quanto ammettere di essere poliamoroso significa vivere in modo aperto e con sincerità la propria sessualità, non si può imporre la stessa “apertura” a chi ci circonda.

Sia io che Adam ti suggeriamo di parlarne con sincerità con tua moglie e capire se, nonostante tutto, può accettare di convivere con la tua fidanzata ufficiale e con le altre persone, che siano donne o uomini, delle quali ti potrai innamorare.

Successivamente, spiega ai tuoi figli che essere poliamorosi non vuol dire crearsi un alibi per tradire o per fare sesso con chiunque incontri, ma semplicemente un modo diverso di amare.

                                                                                                    Eva&Adam

Copyright foto:

http://www.poliamore.org

Annunci

Categorie:RUBRICHE, Sex Appeal

Rispondi