corpore-sano

FENG SHUI

Tutto ciò che ci circonda ha un suo linguaggio e ci parla costantemente.

I luoghi in cui viviamo comunicano con una parte di noi e spesso ne siamo completamente inconsapevoli. Imparare il linguaggio segreto con cui gli ambienti interagiscono con noi può apportare alla vita di ogni giorno innumerevoli benefici psico-fisici che, spesso, vengono definiti genericamente come “armonia”; ma ciò che si scatena è ben più specifico e profondo. Chi non ha mai provato una sensazione di disagio o, al contrario, di serenità, entrando in una stanza? Chi non ha un luogo preferito in cui studiare, lavorare o semplicemente rilassarsi? Per non subire le influenze degli ambienti in maniera passiva e casuale e per sfruttarli a nostro favore ci viene in aiuto il Feng Sui. Questa disciplina ha origini antichissime, si è sviluppata in Cina in seno al Taoismo, la cui visione e idea principale è centrata sul mutamento: tutto si trasforma costantemente, tutto fluisce e nel fluire genera forze. Letteralmente “Feng Shui” significa vento e acqua, entrambi elementi indispensabili per la vita e l’intuizione che sta  alla sua base gira intorno al concetto che, qualsiasi cosa si voglia fare, bisogna fare in modo che la natura lo faccia per te, proprio come fece il primo uomo che immerse la ruota di un mulino in un torrente.

Il Feng Shui applica questo concetto agli ambienti, concentrandosi sull’effetto che essi hanno sull’essere umano e cercando di disporne e usarli proprio come la ruota del mulino usa il torrente. Chi pratica il Feng Shui usa il linguaggio dell’ambiente che lo circonda per rendere la propria vita più produttiva e per raggiungere i propri obiettivi con minor sforzo. In passato questa disciplina veniva utilizzata per la progettazione di interi quartieri e città e anche a scopi militari e una volta imparate le nozioni principali le possibilità che si aprono sono infinite, si possono creare gli ambienti più adatti agli scopi più vari. I principi di questa disciplina tengono conto della presenza dei campi magnetici ed energetici nella disposizione degli arredamenti, la prima regola da seguire è quella dell’ordine e del liberarsi dal superfluo. L’accumulare  oggetti o il disordine non permettono alle energie positive di fluire. Per quanto riguarda la disposizione dei mobili, ci sono dei principi da seguire che sono fondamentali per rendere l’ambiente accogliente e armonico. Il letto non deve trovarsi direttamente di fronte alla porta, né tantomeno deve essere posto direttamente sotto una finestra. L’ideale sarebbe un letto in legno con testata aderente al muro orientata verso est. La camera da letto deve essere posizionata lontano dalla porta d’ingresso e all’interno di essa non devono essere collocati specchi visibili perché potrebbero ostacolare il fluire delle energie positive e, qualora si trovassero vicino al letto, potrebbero ostacolare anche il sonno. Il divano, invece, deve essere rivolto verso la porta di entrata, sarà simbolo di ospitalità e chiunque entrerà si sentirà accolto. Lo schienale deve essere appoggiato ad una parete così chiunque si siederà, si sentirà protetto.bagua-casa

 

Le finestre della casa sono fondamentali, in quanto è importantissima l’illuminazione degli spazi interni con la luce naturale. Devono essere abbastanza grandi per poter garantire un’illuminazione sufficiente e quelle che si affacciano su strade trafficate vanno protette con delle tende adatte e di colore chiaro. I colori sono molto importanti, la scelta non deve essere casuale e va adeguata ai diversi ambienti. Nelle camere da letto si dovrebbe prediligere il blu o il verde, colori che favoriscono il relax;  in salotto sono perfetti il rosso o l’arancione che facilitano la conversazione, mentre in cucina il giallo potrebbe stimolare l’appetito e donare energia sin dal momento della colazione.

I materiali da prediligere per l’arredamento sono quelli naturali, come legno, metallo e pietre, mentre sono da evitare i materiali plastici. Per la pianta della casa vanno predilette le forme quadrate o rettangolari, sono da evitare angoli troppo appuntiti ed estremità sporgenti. La disposizione delle camere deve seguire l’orientamento dei punti cardinali, quindi l’ingresso preferibilmente a nord e le stanze destinate alle relazioni a sud. Praticare il Feng Shui può aiutare ad investigare i principi universali che legano l’individuo al suo contesto, cercando di diventare sempre più consapevoli del macrocosmo in cui siamo inseriti, stabilendo con esso il rapporto più armonioso e vantaggioso possibile, rientrando in contatto con un lato fondamentale e forse dimenticato del nostro essere.

 

 

 

Copyright foto:

http://www.accademiasol.it/corsi-di-naturopatia

Annunci

Rispondi