INCHIESTA SU MAFIA CAPITALE

Con l’avvio, nel novembre 2015, del maxi-processo su Mafia capitale, sono venuti a galla i nomi di imprenditori, politici e potenti collusi con la criminalità organizzata per trarre benefici economici.

Un rapporto di vecchia data quello tra criminalità organizzata ed economia e che dimostra di essere, quasi, uno dei vizi atavica dell’Italia.

Infatti, questo, è solo l’ultimo caso, in ordine di tempo, ad essere stato scoperchiato dalle forze dell’ordine e dalla magistratura, ma, non bisogna mai dimenticare che nel Bel Paese il binomio mafia-appalti è stato utile, sin dal principio, per la creazione di una cupola di potere che avrebbe dovuto detenere nelle proprie mani le sorti dell’Italia.

Quindi, dopo il cosiddetto Sacco di Palermo e l’inchiesta Cosa nostra beach, ha preso il via l’operazione Mondo di mezzo che ha portato, in una prima fase, all’arresto di 38 persone, tra cui Massimo Carminati, ex terrorista dei NAR( Nuclei Armati Rivoluzionari ndr), tra i principali organizzatori di un sistema che ha portato alla creazione di un’associazione di stampo mafioso.

Truffa, riciclaggio di denaro, usura e corruzione sono solo alcuni dei reati contesti a quanti sono finiti sotto inchiesta nell’ambito delle indagini su Mafia capitale, un’operazione attenta e capillare che ha portato, sotto i riflettori, alcuni nomi illustri.

mafia-capitale-processo0021-1000x600

Altro protagonista, insieme a Carminati, è Salvatore Buzzi, vera e propria mente del sistema, balzato agli onori della cronaca per aver ucciso a 25 anni e con 34 coltellate un suo collega, reo di non voler più coprire le truffe che metteva in atto mediante assegni in bianco. 

Dopo la condanna a 25 anni di carcere, Buzzi ottenne la grazia dall’allora presidente Scalfaro, dando così inizio, nel 1994, alla sua nuova vita.

Nel corso delle indagini è emerso che parecchi degli appalti di Roma erano stati dati in gestione alla cooperativa Antigone di proprietà di Buzzi, che li aveva ottenuti senza partecipare a nessuna gara.

Con un fatturato di circa 30 milioni di euro, l’Antigone si occupava di diverse servizi, tutti afferenti all’amministrazione di Roma.

Immigrazione e verde pubblico sono solo alcune delle attività tentacolari di questa cooperativa che vantava, sul proprio libro paga, politici e funzionari.

Una volta insediatasi la giunta Alemanno, pareva che la nuova amministrazione avesse interrotto ogni rapporto con Buzzi, ma, è proprio in questo momento che entra in ballo Carminati che ha l’incarico non solo di perfezionare il sistema, ma anche di accaparrarsi i favori della nuova giunta.

Operazione che pare essere andata a buon fine, dato che gli inquirenti hanno trovato un bonifico da 40mila euro fatto sul conto di Gianni Alemanno.

La coppia Buzzi-Carminati pare funzionare, gli appalti aumentano e di conseguenza anche il guadagno.

Nonostante i romani lamentino frequenti disservizi relativi proprio a quanto gestito dall’Antigone e dalle altre associazioni che fanno capo alla stessa, sembra che queste lamentele passino inosservata.

Toccherà ai giudici fare chiarezza sulla vicenda: a quanto pare, infatti, i due imponevano agli appaltatori che facevano loro capo, dei sovrapprezzi per potersi permettere di corrompere quanti più politici e funzionari possibili.

Di conseguenza, dovendo pagare una quota così elevata, gli appaltatori  offrivano servizi di scarsa qualità, soprattuto per quanto riguarda l’immondizia, dove lo smaltimento di rifiuti tossici è avvenuto senza il rispetto di alcuna norma.

Anche il settore edilizia è risultato essere di pessima qualità, dato che il cemento utilizzato, a seguito di analisi,  mostrava essere depotenziato.

Una vicenda questa, per la quale non è ancora stata scritta la parola fine, e che sta vedendo, durante il dibattimento, un valzer di accuse.

Dopo il rinvio a giudizio di Gianni Alemanno per corruzione e finanziamento illecito e le dichiarazioni dell’ex prefetto di Roma, Franco Gabrielli, secondo cui in Comune le infiltrazioni sarebbero state rilevanti, toccherà ai giudice mettere a fuoco i contorni di quest’intricata vicenda.

roma-vista-aerea-eff

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta questo post”]

Copyright foto:

http://www.ilfattoquotidiano.it

http://www.panorama.it

http://www.antimafiaduemila.com

 

Valentina Nesi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...