Scienze & Tech

LA GEOGRAFIA COME ESPERIENZA DIRETTA-PARTE III

Continuiamo il nostro viaggio nelle rappresentazioni grafiche possibili del mondo, in questa sessione ci occuperemo delle mappe dedicate alla vulnerabilità dei territori. In particolare una vulnerabilità verso i cambiamenti climatici e in particolare verso gli eventi catastrofici che si accompagnano ad essi. La possibilità di una popolazione di rispondere ad un’emergenza è legata a tanti fattori ma sicuramente la disponibilità di economica, quindi quella energetica, come abbiamo visto nelle mappe precedenti, è un vantaggio importante per fronteggiare, ma anche prevenire attraverso infrastrutture idonee, gli eventi catastrofici.

FOTO 1 LISTORTI

Questa è la mappa del mondo che tiene conto del numero di persone ferite, sfollate o bisognose di assistenza, a causa d’inondazioni, siccità o temperature estreme, in un anno.  Questa complessa mappa, tiene conto sia degli eventi ambientali estremi ma anche delle condizioni dei territori, delle infrastrutture e delle risposte nazionali a queste minacce. Chiaramente queste situazioni di rischio sono esacerbate dai cambiamenti climatici, che possono appunto incrementare gli eventi ambientali drammatici. L’Asia è senza dubbio la parte del mondo maggiormente a rischio, anche a causa delle densità di popolazione molto elevate che in eventi catastrofici incrementano il numero di persone a rischio.

FOTO 2 LISTORTI

Questa interessante mappa pesa i territorio per il numero di cittadini residenti al di sotto dei 5 metri di altitudine. Questi territori bassi sono quelli più in pericolo in caso di un innalzamento del livello del mare. Un fenomeno che potrebbe accompagnarsi all’aumento delle temperature del nostro pianeta. Lo scorso anno (2015) è stato un anno nefasto in questo senso, con la variazione più significativa delle temperature medie mai registrate da quando esistono queste statistiche. In un solo anno la variazione della temperatura media dell’atmosfera è stata di 1 grado centigrado. Anche in questo scenario i territori più minacciati sono le terre densamente popolate dell’Asia, ma anche l’Europa e in particolare l’Italia sono minacciate, un esempio per noi molto prezioso di questa esposizione è Venezia.

FOTO 3 LISTORTI

 

In questa rappresentazione i territori sono pesati tenendo conto del numero di persone che vive ogni giorno con meno di 1.25 dollari. Questa mappa drammatica mostra le condizioni disperate che caratterizzano alcuni paesi, in particolare India e Africa subsahariana. Questa condizione di povertà assoluta contribuisce alla vulnerabilità climatica degli abitanti di questi paesi che hanno pochissimi mezzi per affrontare l’emergenza.

Fonte carbonmap.org

Andrea Listorti

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta questo post”]

 

Annunci

Rispondi