ATTUALITÀ

LA GASTROMANIA NELLA TV ITALIANA

Sembra inutile doverlo ribadire: la nuova regina indiscussa dei palinsesti televisivi è la cucina, intesa in tutte le sue sfaccettature.

Protagonista di innumerevoli trasmissioni tv, ormai, non c’è canale o emittente televisiva che non abbia il suo chef di fiducia e questo successo non sembra passare di moda.

Precursore di quella che poi è diventata una vera mania, è stata l’Inghilterra che propone programmi di successo, riguardanti la cucina, da oltre trent’anni.

2-gordonramsay

Gordon Ramsay

Inglesi sono gli chef che hanno avuto maggior riscontro mediatico in questo tipo di trasmissioni, dal “bruto” Gordon Ramsay, all’idealista Jamie Oliver che combatte contro il cibo spazzatura nelle mense scolastiche.

L’Italia, stranamente, è stata una tra le ultime nazioni a proporre trasmissioni televisive sulla cucina, forse perché nel nostro Paese il cibo lo si dava un po’ per scontato.

la-prova-del-cuoco-2016

 

La prima trasmissione a riguardo è stata La prova del cuoco, programma ormai storico, che andò in onda per la prima volta nel duemila.

Da allora ne è passata di acqua o meglio, di cibo, sotto i ponti.

Colto il potenziale vincente di questo filone, gli autori di programmi tv si sono sbizzarriti, proponendo una quantità di trasmissioni culinarie a dir poco imbarazzante: dalle gare tra concorrenti a veri e propri reality-show come accade in programmi quali Masterchef  o Cuochi e Fiamme, fino ad a arrivare a trasmissioni sul cibo pensate, addirittura, per i più piccoli come Gamberetto su Gambero Rosso Channel. Sono nati anche canali tematici che hanno palinsesti interamente incentrati sul cibo come il già citato Gambero Rosso Channel o Alice Tv.

cuori-cibo

Sia davanti che dietro lo schermo vi è un dato di fatto incontrovertibile: agli italiani piace parlare di cibo e uno degli elementi per cui c’è un moltiplicarsi ininterrotto di programmi dedicati ad esso, è proprio la storica passione, tutta italiana, del saper vivere e della buona tavola.

Neanche la crisi ferma l’amore degli italiani per il cibo e forse la “gastromania” che sta contagiando tutti è anche una sua conseguenza, infatti si tende a consumare sempre più spesso i pasti a casa anziché andare a mangiar fuori e a cimentarsi in un’arte che richiede sia creatività che disciplina.

Il target di riferimento per queste trasmissioni, infatti, è molto vario e va dalla casalinga aI lavoratori sino ai giovanissimi.

Il segreto di questo boom può risiedere nel fatto che la gente ha bisogno di idee nuove, semplici e sbrigative per preparare pranzo e cena con il miglior rendimento e il minor sforzo possibile, soprattutto in un periodo in cui tempo è denaro e i soldi scarseggiano.

Inoltre i suggerimenti sul come preparare un pranzo con i pochi ingredienti che si hanno in frigorifero o sul riciclo degli avanzi di cibo delle feste, sembrano risultare molto più rilassanti e rassicuranti rispetto alle tante brutte notizie che passano al telegiornale, soprattutto dopo una lunga giornata di lavoro.

Questo boom delle trasmissioni culinarie, sembra abbia portato molti giovani ad iscriversi agli istituti alberghieri, tutti vogliono diventare Carlo Cracco e non è affatto una cattiva idea, perché la richiesta di chef italiani, soprattutto all’estero, è sempre più alta e le opportunità di lavoro moltissime.

Il fenomeno delle trasmissioni riguardanti la cucina, in tv, non è destinato a tramontare perché il cibo è uno dei pochi piaceri della vita di cui si può ancora godere e non solo guardandolo da uno schermo.

Copyright foto:

http://www.slifood.it/

http://www.thedailymeal.com/eat/gordon-ramsay-and-9-other-chefs-who-cheated-death-0/slide-2

http://www.dimmicome.net/

http://www.trigliceridiecolesterolo.it/in-forma-con-gusto/dieta-metabolica-cibo-turbo/

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta questo post”]

 

 

Annunci

Rispondi