ATTUALITÀ

IL FENOMENO DEI FASHION BLOGGER

Poco più di qualche decennio fa, i giovani  belli e diciamo pure ambiziosi, abbandonavano tutto, amici e famigliari, per avventurarsi in un mondo arguto, saturo di talenti. Tutto questo per realizzare un favoloso desiderio: ottenere un lavoro da sogno, diventare ricchi e perché no, anche famosi. Oggi, invece, complici i numerosissimi social network che dilagano sul web, non è più necessario ‘’faticare’’ e lasciar la propria casa alla ricerca di fortuna. Oggi il lavoro lo si inventa! Basta avere un curriculum con caratteristiche specifiche: essere belli, alla moda, narcisisti spregiudicati e terribilmente di ‘’ tendenza’’.

Di quale lavoro stiamo parlando? Ma ovviamente della professione dei fashion blogger.

Si sente parlare di questa categoria già da tanto ma a molti il concetto del fashion blogger rimane ancora, pressoché, oscuro.

Ci si domanda : Ma davvero si può campare scrivendo un blog di consigli e fotografandosi con l’ultima collezione autunno-inverno del momento?

Proviamo a googlare questa parola cosi musicale:

‘’ Un fashion blogger è colui che aggiorna con costanza un diario online inerente a tematiche legate al mondo della moda. Il raggio d’azione del fashion blogger è molto ampio: esistono fashion blog orientati maggiormente verso il mondo dell’alta moda e delle passerelle delle fashion week, fino ad arrivare a diari dove lo scrittore consiglia gli outfit più economici e trendy al contempo ’’.

Dunque, vi starete chiedendo, non ci vuole di certo una laurea in astrofisica nucleare.

Se state già meditando di abbandonare l’università per ricchezze e successo facili, è bene che vi soffermiate ulteriormente ad analizzare il fenomeno.

Milioni sono oggi, in Italia e nel mondo, i giovani che si definiscono tali, ma  pochi sono quelli che davvero hanno avuto successo. Tra questi sarebbe impossibile non citare la regina indiscussa del settore: Chiara Ferragni, blogger e fashion designer italiana, nota anche come The Blonde Salad, nome del suo blog e del suo primo libro.


Solamente su Instagram la bella Chiara ha ben 6 milioni di seguaci e 10 milioni di dollari guadagnati nel 2015.

Non è un caso se la rivista Forbes l’ha inserita nella lista delle trecento «giovani leader, inventori creativi e imprenditori audaci» in Europa. Questa giovane biondina di soli 29 anni, grazie al suo ‘’talento’’ ne ha fatto di rumore. Persino la nota società di giocattoli, la Mattel si è ispirata per la creazione di una nuova figura di Barbie, la ‘’Barbie Fashion Blogger’’.


Capelli biondi ramati, jeans strappati, giacca di pelle, t-shirt bianca e borsa vintage di Chanel, una piccola Chiara in miniatura e di plastica.

“I sogni della mia infanzia si sono avverati: hanno creato una Barbie con le mie sembianze”.

Chiara Ferragni

Ma essere una fashion blogger non porta solo giornate da ‘’rose e violini’’.

Un polverone di polemiche dilaga ultimamente sul web.

Questi  influencer ( poiché influenzano con il loro stile ndr) sono stati aspramente attaccati da molti esperti del settore moda. Ad esempio la rivista Vogue Usa in questi giorni esplode con una frase ‘’ Trovatevi un altro lavoro. State dichiarando la morte dello stile.’’

La frase è stata scritta da Sally Singer, direttore creativo digitale del sito Vogue America, che vede in copertina proprio la nostra Barbie Ferragni.

Ma la Singer non è stata la sola ad inveire contro questo fenomeno. Molti altri si sono espressi in maniera cosi dura. C’è persino chi ha predetto la fine dell’era dei fashion blogger, un fenomeno destinato a concludersi ed estinguersi nel giro di pochissimi anni.

Che ciò sia vero o no, per il momento non sembra turbare questi giovani influencer; loro cosi narcisi, sexy e glamor sono nati per influenzare, non per esserlo!

Copyright copertina:

http://www.luukmagazine.com/?s=Chiara+Ferragni

Annunci

Rispondi