Caro John

L’ETA’ E’ UNA QUESTIONE DI NUMERI?

Caro John,

mi chiamo Sara, ho 22 anni e sono fidanzata da poco più di 3 anni con un ragazzo molto più grande di me.

Lui, infatti, ha da poco compiuto 40 anni e nonostante la differenza d’età sia considerevole non abbiamo mai avuto problemi a relazionarci.

Da qualche mese a questa parte, però, le cose sono un pò cambiate dato che lui vorrebbe rendere la nostra relazione più ufficiale, magari sposandoci, e soprattutto vorrebbe avere un figlio e subito.

Premetto che io stessa desidero, in futuro, le sue stesse cose, però a 22 anni non mi sento pronta a compiere dei passi così importanti.

Di contro, lui, cerca di farmi delle pressioni dicendo che, ormai, sente l’esigenza di “mettere radici”  e che la mia indecisione lo fa stare molto male.

Io non voglio perderlo ma al tempo stesso ho solo 22 anni e penso che se dovessi cedere alle sue pressioni me ne potrei pentire per il resto della mia vita. —

Cara Sara,

un vecchio saggio disse: “l’età è solo una questione di numeri” ma, personalmente, penso che non ci fu mai affermazione più sbagliata.

Infatti, nonostante spesso ci si senta più attratti da un uomo o una donna con maggior vissuto alle spalle rispetto al nostro e ci si illude di poter portare avanti una relazione che rispecchi la felice metafora dei due binari paralleli, capita spesso, invece, di doversi ricredere.

Un ventenne ha delle priorità molto differenti rispetto un quarantenne e la voglia di scoprire, sperimentare e conoscere del primo cozza con la tendenza alla stabilità dell’altro.

Il problema sorge quando i bisogni della coppia sono talmente contrastanti da ledere quell’equilibrio sul quale era fondato un rapporto, portando i due a sentirsi come castrati.

Se dovessi, quindi, cedere alle sue pressioni e accettare di fare un figlio con lui per la semplice paura di perderlo potresti innescare una catena di eventi nefasti che, a lungo andare, ti porterebbe a vivere la maternità e la relazione con il tuo uomo in modo altamente negativo.

Il consiglio è quello di essere ancora più esplicita con il tuo uomo e di fargli capire che queste non sono decisioni che possono essere prese “sotto ricatto” o barattate come pegno d’amore.

Se lui si dimostrerà comprensivo e attento alle tue esigenze saprai di avere un rapporto solido alle spalle.

Copyright foto:

http://migliormatrimonio.it/maria-de-filippi-maurizio-costanzo-matrimonio/

Annunci

Categorie:Caro John, RUBRICHE

Con tag:

Rispondi