ATTUALITÀ

KROKODIL: LA DROGA CHE MANGIA LA CARNE.

Una droga dagli effetti devastanti. Nata in Russia e diffusasi velocemente anche negli USA, comincia col desquamare la pelle dei consumatori facendoli apparire come rettili: da qui il suo nome, Krokodil, capace di creare dipendenza nel giro di poche assunzioni.
Questa pericolosissima sostanza può essere prodotta in casa con ingredienti a basso costo e facilmente reperibili: fosforo rosso, iodio e codeina. Quest’ultima, nota ai più come principio attivo farmacologico, sintetizzata, aumenta i suoi effetti sedanti e antidolorifici, procurando a chi l’assume un notevole senso di benessere fisico, come se improvvisamente si fosse avulsi dalla realtà ed esenti da preoccupazioni e dolori interiori.

La sua tossicità, conferitale dalla combinazione di elementi con cui viene confezionata, é elevatissima. Generalmente presa per via endovenosa, non tarda a rivelare le sue nefaste conseguenze: cancrene agli arti, infezioni, ulcere cutanee profonde, addirittura necrosi gengivali fino alla perdita dei denti, danni irreversibili ad organi vitali e gravi problemi neurologici che sfociano, il più delle volte, in gravi difficoltà psicomotorie.

Il suo effetto metamorfinico é dieci volte superiore alla morfina, ma l’organismo la smaltisce in circa due ore. É per questa ragione che si avverte ripetutamente la voglia di reiniettarsela, sentendosi nel giro di pochi giorni totalmente dipendenti da essa.
La Russia, Paese in cui la Krokodil é prodotta artigianalmente – peraltro in condizioni igieniche inesistenti – e maggiormente diffusa, non riesce ad arrestarne la produzione. Dal 2012, grazie ad un provvedimento sanitario, per contrastare il fenomeno é stata vietata la libera vendita di compresse di codeina, acquistabile solo previa presentazione al banco di ricetta medica.

Liberarsi da questa droga e disintossicarsi é difficilissimo. Le crisi d’astinenza durano moltissimi giorni tra dolori e sofferenze atroci: spesso i medici sono costretti a trattare i pazienti con potenti calmanti, per impedirne lo svenimento per dolore.
Disgraziatamente, questo stupefacente ha oltrepassato i confini russi: ne sono stati segnalati casi anche in Germania, Francia ed Italia, dove una cameriera di hotel di lusso, a Padova, é stata beccata in possesso di un ingente quantitativo. Ciò nonostante, nel nostro Paese possiamo ancora ritenerci fortunati, poiché la codeina – ingrediente principale della Krokodil – é dispensata dalle farmacie solo dietro prescrizione. Non riuscire ad acquistarla liberamente permette di non poterla produrre facilmente. Bisognerebbe importarla, ma i costi delle dosi al dettaglio per i tossicodipendenti sarebbero troppo alti.

Assurdo che alcuni scelgano di autodistruggersi in questa maniera truce. La morte é assicurata in breve termine dalla prima assunzione. Chi ne fa uso dovrebbe essere aiutato ad affrontare i propri mostri interiori anziché drogarsi: combattere i disagi ed i dolori quotidiani sarebbe sicuramente meno atroce che sopportare quelli che loro stessi, incoscientemente, decidono di infliggersi.

Copyright foto: https://www.google.it/amp/s/lamedicinainunoscatto.it/2014/10/the-walking-drug-krokodil-droga-ti-trasforma-in-zombie/amp/

http://krokodilassassina.blogspot.it/?m=1

http://www.viralglobo.com/blog/krokodil-ecco-gli-effetti-devastanti-di-questa-droga-degli-zombie/

Annunci

Rispondi