STORIE DI SPRITZ. L’AVVENTURA DELL’APERITIVO VENETO CHE HA CONQUISTATO IL MONDO

Quando pensiamo all’aperitivo non può non venirci in mente il drink per eccellenza, re indiscusso dei tavoli del bar dalle 17 alle 19, lo spritz. Questa bevanda ha origini abbastanza antiche e si colloca tra il ‘700 e l’800, durante la dominazione austriaca nel Lombardo-Veneto. In questo periodo i soldati asburgici iniziarono a conoscere i vini veneti, soprattutto quelli dal corpo e dal carattere deciso e con un tasso alcolemico elevato. Questi vini non erano di loro gradimento, così decisero di allungarli con dell’acqua gassata. Da qui ha origine lo spritzen, termine tedesco che sta ad indicare il  gesto dello spruzzare, in questo caso l’acqua gassata nel bicchiere di vino.

Dallo spritzen, bevanda ancora oggi in voga soprattutto nel Friuli Venezia Giulia, si passò, negli anni ’20 dello scorso secolo, a macchiare la miscela di vino allungata con acqua frizzante con un po’ di bitter.

15442118_1829084980689475_1988993060139959282_n

UN COCKTAIL A PROVA DI BITTER

Come ben sappiamo il bitter ha diverse varianti. Proprio per questo, già dagli albori della sua nascita, lo spritz ebbe due facce. Quella più “continentale”, a Padova, con l’Aperol; e quella tipicamente lagunare”con il Select, bitter prodotto dai fratelli Pilla. E se quest’ultimo rimane orgoglioso appannaggio di Venezia, il primo si diffuse in tutto il Nord Italia fin dagli anni ‘70, per poi raggiungere il successo globale tanto da essere inserito negli elenchi dell’IBA (International Bartenders Association) con la denominazione di “Spritz veneziano”.

Ovviamente, oltre al bitter che è la ciliegina sulla torta di questa fantastica bevanda, il vero corpo è costituito dal vino. Ogni cittadina del Veneto ha una diversa variante di vino utilizzata all’interno della bevanda.  A Padova si va di vino bianco frizzante, a Treviso si trova il Prosecco, a Venezia invece spariscono le bollicine e si usa un vino bianco fermo, a Udine è d’obbligo il Tocai Friulano. Spazio alla fantasia anche nelle colorazioni: oltre all’arcinota variante con il Campari al posto dell’Aperol, ne esistono anche con amari scuri come China Martini o Cynar che sostituiscono degnamente i bitter.

17353493_1861349114129728_2642673483338341708_n

I LUOGHI LA RICETTA E GLI ABBINAMENTI

Lo Spritz è l’aperitivo definitivo, potete abbinarlo ad una miriade di finger food e cicchetti, ma eccelle soprattutto con pesce, salumi, carni bianche e cibi piccanti. Se vi trovate dalle parti di Padova e non sapete dove andare noi di Metis Magazine vi consigliamo lo storico bar Nazionale a Piazza delle Erbe, dove potrete gustare un ottimo spritz accompagnato con gli eccezionali tramezzini della casa. Sempre a Padova, altra immancabile tappa è al Gottino, locale piccolo e accogliente che vi regalerà uno spritz indimenticabile. La ricetta ufficiale dello spritz a regola d’arte è  40% di seltz o acqua gassata, da un 30% di Prosecco e dal restante 30% di bitter, che deve comunque conferire alla bevanda la sua tipica colorazione rosso-arancio.

Non ci resta che augurarvi un buon aperitivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...