SITI D’INCONTRI: QUANDO L’ AMORE DIVENTA TERRORE

Cercare l’amore avvalendosi dell’utilizzo di piattaforme digitali dedicate è ormai per molti una consuetudine. Quella che vi stiamo per raccontare è infatti la storia di un incontro, apparentemente normale, tra due ragazzi, apparentemente normali, avvenuta qualche tempo fa su un sito d’incontri.

Computer keyboard  with red "Love" symbol

Munir Mohammed, 36 anni, è entrato in contatto con Rowaida El-Hassan, trentatreenne di professione farmacista, in un angolo del web riservato a cuori solitari musulmani, alla disperata ricerca dell’anima gemella. Lei, sul suo profilo, non aveva troppe pretese e diceva di cercare un uomo semplice, onesto, schietto e timorato di Dio, o meglio di Allah. Lui pare si sia riconosciuto in quella descrizione tanto da farsi avanti con la bella pretendente. Si conoscono, si frequentano virtualmente fino a diventare non solo complici, ma molto di più: stabilizzatisi ufficialmente come coppia i due hanno infatti iniziato a progettare un attentato. Ma qualcosa deve essere andata storta. Munir Mohammed, lo scorso lunedì 30 Ottobre, ha dovuto presentarsi davanti alla corte londinese di Old Bailey con l’imputazione di un reato molto grave.

img_4107

Risultava infatti, secondo l’autorità, deciso a compiere un attacco come lupo solitario, con il benestare e la connivenza della bella Rowaida, la quale pare fosse perfettamente a conoscenza della partecipazione di lui ad un piano del genere. I pericolosi fidanzatini, di fronte ai giudici, hanno negato tutto, ma i fatti dimostrano l’assoluto contrario: lei, come sostenuto dal procuratore, pare avesse grande dimestichezza con le sostanze chimiche, tanto da aiutare Munir Mohammed informandolo circa il materiale necessario per un ordigno ed a fornirgli le indicazioni utili e pratiche per la costruzione dello stesso. Al momento della cattura, l’uomo è stato trovato in possesso di perossido di acetone, utilizzato di frequente da Daesh nei suoi attentati, oltre a manuali d’istruzione sulla creazione di esplosivi, detonatori costruiti con l’aiuto di un telefono.
img_4108

Il procuratore Anne Bianco sostiene inoltre che Munir Mohammed fosse in contatto, attraverso Facebook, con un affiliato a Daesh che si era offerto volontario per un “nuovo lavoro in Inghilterra” e che aveva giurato fedeltà al gruppo jihadista nell’agosto 2016.

Come andrà a finire la love story non è ancora dato saperlo, ma il famoso detto “rose e fiori” per il momento pare non essere all’orizzonte.

 

 

Info Copyright:

https://www.google.it/amp/www.lultimaribattuta.it/6184_siti-d-incontri-quando-truffa-spezza-cuore/amp

https://www.fanpage.it/londra-allarme-bomba-al-palazzo-di-giustizia-evacuato-l-old-bailey/

https://www.google.it/amp/www.meteoweb.eu/2015/01/coppie-nate-online-scienza-dice-durano-quelle-tradizionali/382521/amp/

Annunci

Un pensiero riguardo “SITI D’INCONTRI: QUANDO L’ AMORE DIVENTA TERRORE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...