MAFIA IN LUTTO: A 87 ANNI È MORTO TOTÒ RIINA.

Salvatore Riina, meglio noto alle cronache come Totó, era figlio di un agricoltore. Originario di Corleone, un paesino in provincia di Palermo, era nato il 16 Novembre 1930.

Sua moglie Antonietta, detta Ninetta, madre dei suoi quattro figli, è la sorella del boss ed amico Leoluca Bagarella. La loro unione fu celebrata nel 1966 in un appartamento sito al quinto piano di un tranquillo stabile di largo San Lorenzo, a Palermo, dove i coniugi vivevano in quegli anni di clandestinità per sfuggire all’arresto. Il sacerdote che lì unì in matrimonio fu don Agostino Coppola, finito poi in galera anche lui per associazione mafiosa e per aver fatto da tramite nei casi di alcuni sequestri di persona.

Fu solo nel 1994 che Salvatore Riina riuscì a sposare civilmente Antonietta Bagarella, per procura, mentre si trovava in carcere.

Due dei suoi quattro figli, Giovanni e Salvatore Giuseppe pare abbiano seguito le orme paterne: entrambi sono infatti finiti dietro le sbarre per essere stati affiliati alla cosca mafiosa di Corleone. Il primo, Giovanni, è stato condannato all’ergastolo per un duplice omicidio commesso proprio nel paesino siciliano. Il secondo è stato arrestato nuovamente pochi giorni fa.

La figlia maggiore, Maria Concetta, è sposata e vive in Salento, mentre Lucia fa la pittrice e vive in una località elvetica.

A 87 anni, nella notte tra 16 e 17 Novembre, alle 3:37, dopo essere entrato in coma a causa di un repentino peggioramento delle condizioni di salute, il capo di Cosa Nostra è morto, il giorno successivo al suo ottantasettesimo compleanno, nel reparto detenuti dell’ospedale Maggiore di Parma. Il “capo dei capi” è venuto a mancare, dopo aver trascorso gli ultimi 24 anni della sua vita al regime del 41 bis, a causa delle decine di ergastoli a cui era stato condannato per le stragi e gli omicidi che aveva commissionato e realizzato.

In 24 anni di detenzione, Totò “u curto” ha continuato a restare nel silenzio di una fedelissima omertà: nessuna rivelazione in merito a complici e alleati.Riina porta nell’aldilà innumerevoli segreti. E sui social network non sono affatto pochi coloro i quali lo osannano per questo motivo: “Uomo coerente. Di questi tempi è raro”, “Totò fino alla fine è stato muto. Riposa in pace uomo d’onore!”. C’è anche chi lo ha ritenuto “l’unico vero vanto della Sicilia” e chi avrebbe voluto organizzarsi per essere presente alle esequie: “Informatemi se il funerale si farà nel suo paese, per organizzarmi per andarci grazie.”

Riina ha continuato ad essere mafioso fino alla fine dei suoi giorni, ha tentato fino all’ultimo di occultare la verità, quella di cui i magistrati italiani – quelli che lui avrebbe voluto vedere tutti morti – sono ancora in cerca.

Info Copyright

http://www.lasicilia.it/gallery/gallery/86795/toto-riina-dal-primo-arresto-a-19-anni-alle-stragi-del-92-fotostoria-del-boss-piu-sanguinario.html

https://www.google.it/amp/www.ilpost.it/2017/11/17/toto-riina-morto/amp/

http://mobile.abc.net.au/news/2016-04-08/giuseppe-salvatore-riina,-son-of-mafia-boss/7310374?pfmredir=sm

http://www.palermotoday.it/cronaca/mafia/morto-toto-riina.html

http://www.palermotoday.it/cronaca/mafia/morto-toto-

riina.html

https://steemit.com/toto/@balboa1/salvatore-toto-riina-once-the-head-of-the-cosa-nostra-wants-to-die-at-home

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...