L’ESORCISMO: PRATICA SEMPRE ATTUALE PER SCACCIARE IL MALE

L’esorcismo è una pratica da sempre esistita nelle varie culture e tutte le civiltà avevano un proprio modo di liberarsi e difendersi dagli attacchi del maligno.

La lotta con gli spiriti del male non è unicamente prerogativa della Chiesa Cattolica: gli esorcismi infatti sono praticati anche tra i musulmani, nella tradizione voodoo e in svariate religioni pagane, ortodosse e pseudocristiane.

Ogni religione ha i propri sistemi e le proprie metodologie: la Chiesa Cattolica, ad esempio, ricorre a varie forme rituali come l’utilizzo di acqua benedetta, crocifissi, ostie consacrate, preghiere alla Madonna, agli angeli, ai santi, etc. Le religioni pagane invece ricorrono a simboli magici, ad invocazioni a varie divinità o spiriti ed altre forme di magia ed esoterismo.

L’atto, però, in concreto e più o meno sempre lo stesso: si assiste sempre ad una lotta tra colui che pratica l’esorcismo e gli spiriti malevoli che posseggono, indeboliscono e dominano una persona fisica, minandola nella salute del corpo e della psiche.

Del resto è fuori dubbio che la religione cristiana cattolica occupi un posto di primaria importanza nella lotta contro il diavolo. I Vangeli infatti ci dicono che fu proprio Gesù Cristo il primo grande esorcista (Luca 4:33, Luca 8:27, Marco 16:17) che, essendo figlio di Dio, riusciva a scacciare i demoni con la sola autorità del Suo Spirito.

Secondo la dottrina cattolica, i demoni non sono altro che esseri di iniziale origine pura ed angelica che, una volta ribellatisi a Dio, sono giunti ad una totale e irreversibile perdizione e perversione.

Ma perché Satana attacca l’uomo?

La risposta a questa domanda forse nessuno può essere così presuntuoso da conoscerla. Tuttavia si può supporre che Dio permetta questo genere di attacchi per dare alla persona un’occasione di purificazione e per dimostrarle che il male esiste e non va sottovalutato. Anche molti santi hanno infatti subito vessazioni da parte del demonio.

Diversi esperti di teologia e religione ritengono che le cause per cui un individuo possa essere soggetto a disturbi di origine diabolica siano numerose e diverse e, tra le principali, non andrebbero sottovalutate le fatture e il malocchio, spesso operati da maghi.

Ricorrere a questi ultimi vuol dire esporsi irreversibilmente all’azione terribile del demonio e, chiunque si rivolga ai maghi, ai cartomanti, agli stregoni e chi partecipa a sedute spiritiche o a sette sataniche, per nuocere agli altri, va irrimediabilmente incontro al male.

Altra causa è quella di persone che si macchiano di gravi colpe e che, in generale, vivono in contrasto rispetto a Dio: anche loro sono molto esposti all’odio di Satana, capo supremo degli Inferi, che trova in questi individui facili prede.

Il demonio preferisce agire nell’ombra e in maniera subdola per raggiungere i propri fini, proprio perché sa che rivelandosi verrebbe presto sconfitto. Spesso sono proprio le persone più vicine a Dio che vengono attaccate da lui e il motivo è di facile comprensione.

Per compiere un esorcismo esistono delle regole ferree tra cui i ventuno passaggi da recitare rigorosamente in latino. Il Rituale Romanum, noto da secoli, e il Nuovo Rito sono strumenti indispensabili: molti esorcisti continuano però a preferire il Rituale Romanum perché considerato molto più efficace.

C’è bisogno di un’attenta preparazione per affrontare un esorcismo: infatti è necessario rendersi conto di quali inganni utilizzino i demoni per confondere l’esorcista poichè sono maestri della menzogna.

A volte, ad esempio, accade che i demoni, dopo essersi manifestati, si nascondano, lasciando per breve tempo il corpo libero dalle molestie, così da indurre il posseduto a credere di essere salvo. Purtroppo non è così ed è quasi normale che per liberare definitivamente un soggetto indemoniato trascorrano addirittura molti anni.

I riti dell’esorcismo vanno pronunciati con autorità, fede e fermezza e, spesso, è necessario insistere quando si nota che lo spirito è più tormentato quindi vulnerabile: è proprio in quel frangente che va incalzato.Può capitare che sul corpo del posseduto si formino ferite, lesioni e che soffra in qualche punto particolare: in tal caso l’esorcista deve fare il segno della croce sulla zona incriminata e utilizzare l’acqua santa.

Esistono delle domande indispensabili che l’esorcista non deve esimersi dal porre e, in particolare, deve chiedere al demonio il nome e se con lui ci sono altri demoni: il diavolo è sempre titubante a svelare la propria identità e per lui, confessare, è un primo sintomo di sconfitta.

Qualcuno sostiene che l’esorcismo si basi anche su un effetto placebo: la persona che si crede invasata, a seguito di un condizionamento mentale basato su gesti e parole sacre, riesca a trarne giovamento e addirittura a guarire.

Visto che gran parte della nostra vita è caratterizzata dalla non conoscenza e dall’ignoto, non è possibile formulare concrete risposte a molte domande e dilemmi psico-teologici. Certo è che il Diavolo, qualunque sia la sua forma, è temuto sia dai credenti che dagli agnostici e dagli atei: i primi in quanto credono alla sua esistenza così come a quella degli angeli, i secondi perché non lo conoscono. E solitamente la non conoscenza porta a un solo risultato, ovvero alla paura.

 

Info Copyright:

https://picclick.it/Grande-Crocifisso-Di-San-Benedetto-Contro-Il-Satanismo-131663676697.htmlhttp://www.1arkamilmago.com/occultismo-occulto.htmhttps://www.euroresidentes.com/suenos/diccionario_significado_de/d/sonar-con-demonio.htm

https://www.altsantiri.gr/kosmos/se-anazitisi-exorkiston-katholiki-ekklisia-nei-ieris-den-theloun-ti-doulia/

http://www.papaboys.org/i-sacramentali-lesorcismo-parte-v/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...