Magazine

TREND 2018: IL RITORNO DELLA PERMANENTE

Joseph Addison, politico, scrittore e drammaturgo britannico settecentesco era solito affermare che:

Non v’è in natura niente di più variabile dell’acconciatura di una signora”.

Nulla da controbattere se si pensa all’evoluzione dell’hairstile degli ultimi 50 anni. Ma nonostante i cambiamenti, alle nuove tendenze e influenze cosmopolite, capita a volte che le mode facciano prepotentemente ritorno e, a dire il vero, anche quelle più discutibili. Si, perché, strano a dirsi, alla soglia del nuovo anno un vecchio trend ha fatto ritorno da un lontano passato: la permanente.

Sicuramente le meno giovani avranno appena avuto un sussulto, soprattutto dopo esser sopravvissute agli eccessi degli anni ’80 di cui questa discutibile acconciatura ne era l’emblema. Se, invece, avete avuto la fortuna di nascere a posteriori e non sapete bene di cosa si tratta, ecco di seguito una breve delucidazione.

Che cos’è la permanente?

È un trattamento  della durata di 30 minuti circa che consiste nell’avvolgere i capelli, riuniti in ciocche intorno ad una serie di bigodini, il cui raggio determina l’intensità del riccio. È una pettinatura che ha ben 112 anni: fu il parrucchiere tedesco Karl Ludwig Nessler, meglio conosciuto come Charles Nestlè, ad eseguire la prima permanente ufficiale nel suo salone di bellezza a Londra l’8 ottobre del 1906.

perm_wave_machine

Il vero boom, però, si ebbe negli anni ’80 dove il desiderio di una chioma mossa in modo duraturo era più forte che mai  tra le signore di tutto il mondo.

permanente0

Oggi, desiderio o non desiderio, questo look selvaggio è tornato ma con una leggera rivisitazione di stile.

I volumi si ridimensionano insieme all’effetto crespo, lasciando spazio ad onde più morbide. Pur rimanendo il processo di applicazione più o meno uguale perché sono necessarie l’uso di sostanze chimiche, anche se meno dannose rispetto il passato, l’effetto ottenuto è quello di onde da spiaggia note come  beach waves.

1390-sem13-news-swave-1200x630-1

ATTENZIONE: i capelli più adatti a essere sottoposti alla permanente (e a qualsiasi trattamento a base di prodotti chimici in generale) sono quelli naturali e non troppo sottili.

Pur di seguire la scia delle tendenze in auge, siete pronte a rimettere il casco?

permanente

 

 

@copyright foto:

http://www.donnaclick.it/bellezza/58745/volume-ai-capelli-per-la-primavera-2015-tornano-di-moda-ricci-permanente-e-afro-hair/

http://thehistoryofthehairsworld.com/i_capelli_nel_20_secolo.html

http://edasuaepoca.blogspot.it/2012/02/1980-cabelos-permanentes.html

https://www.jeanlouisdavid.it/articolo/il-servizio-s-wave-jean-louis-david_a5795/1

http://coiffuremagazine.ch/blog/oltre-un-secolo-di-ricci-110-anni-di-permanente/

 

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...