ECONOMIA

I BITCOIN: LA MONETA VIRTUALE CHE VALE PIÙ DELL’ORO

La cripto moneta che vale più dell’oro è il bitcoin.

È intangibile, essendo una moneta virtuale, ma si possono acquistare oggetti reali. Per questa sua caratteristica non ci sono organismi terzi o banche a controllarli.

Questo sistema rende molto variabile il valore del bitcoin, anche se la moneta virtuale segue standard di crescita e decrescita simili alle monete reali.

Se ne sente parlare per la prima volta a fine del 2008, quando Satoshi Nakamoto  annuncia il lancio della sua invenzione, che avverrà nel 2009. Il nome è uno pseudonimo, difatti non si conosce la reale identità dell’ideatore della moneta virtuale.

La gestione di questo tipo di valuta è interamente digitalizzata.

Il sistema Bitcoin si basa su mezzi di crittografia molto complessi, attraverso i quali è possibile tracciare la moneta, generarla e assegnarla ai legittimi proprietari.

Si può portare a termine l’operazione solo se si è in possesso di un hardware specializzato nell’estrazione di bitcoin. Il procedimento richiede un’elevata potenza di calcolo, di conseguenza un elevato dispendio di energia. È, però, anche possibile comprarli con moneta reale, sia in rete che in sportelli fisici.

La creazione e il successivo scambio di questa moneta avviene secondo il protocollo peer-to-peer – espressione che indica un modello di architettura logica di rete informatica, in cui i nodi sono paritari, ndr.

Chiunque può coniarla ma esiste un tetto massimo di bitcoin coniabili, e si presume che si raggiungerà fra più di 100 anni. La cifra massima raggiungibile è di 21 milioni. Il pericolo d’inflazione, quindi, è minimo poiché non sono previste nuove iniezioni di denaro da un ente terzo.

Il suo uso assicura l’anonimato, anche se ogni bitcoin ha un intestatario in modo da non poter essere utilizzata più di una volta e, quindi, per più transazioni. Questo garantisce la privacy dell’utilizzatore, poiché ogni moneta può avere un address diverso caratterizzato da 34 caratteri alfanumerici, di cui solo il proprietario dovrebbe essere a conoscenza.

Ma è anche terreno fertile per i cyber criminali, che tramite sistemi infetti riescono ad installare un trojan  in modo da generare valuta digitale sfruttando le risorse del sistema infettato. Nell’ambito della sicurezza informatica indica un tipo di malware, che nasconde il suo funzionamento all’interno di un altro programma apparentemente innocuo. L’utente installando quest’ultimo programma, di conseguenza esegue anche il codice trojan nascosto, ndr. 

Per molti i bitcoin non hanno futuro perché non sono facilmente regolarizzabili. C’è chi, invece, è pronto a definirli la moneta del futuro.

Ciò che è certo è che le loro fluttuazioni dipendono da scenari geopolitici. Come la borsa di Chicago, che dallo scorso dicembre, ha iniziato a permettere di scambiare titoli futures basati proprio sui bitcoin. Questo ha permesso di migliorare la reputazione della valuta virtuale e, conseguentemente, a stuzzicare l’interesse degli investitori.

Nonostante le fluttuazioni degli ultimi anni, il valore dei bitcoin è aumentato nel tempo, probabilmente il segno che queste monete siano destinate a ricoprire un ruolo di importanza crescente nelle nostre economie.


Copyright foto:

https://www.manhattandigest.com/2017/09/16/bitcoin-everyone-talking/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...