CULTURA

5 LIBRI DA LEGGERE IN VACANZA CHE CI RENDERANNO PIÙ AFFASCINANTI

Marcel Proust,  considerato uno dei maggiori scrittori della letteratura universale di tutti i tempi, nell’ultimo volume della sua celebre opera Il tempo ritrovato aveva affermato che:

« Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L’opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. »

Sono tantissimi i tipi di lettori nel mondo e ognuno di questi ha le sue manie e i suoi piccoli rituali di lettura. C’è chi legge solo la sera, e chi riesce a farlo ovunque. Chi ama un solo genere letterario e chi invece preferisce leggere un po’ di tutto. Dal lettore famelico che divora tutto ciò che gli capita davanti fino allo svogliato che nonostante sia un compratore compulsivo di libri li impila sul comodino e impiega mesi, se non anni, a leggerli.

Le categorie di lettori sono smisurate e delle più disparate ma nel mese più lento e caldo dell’anno è facilissimo scontrarsi con una in particolare: il lettore da spiaggia.

Il lettore da spiaggia si caratterizza di una duplice natura. O è un intellettuale  che deve recensire un’infinità di  libri entro la fine della bella stagione  ad un ignoto pubblico di ascoltatori, o è colui che durante l’anno si prefigge di leggere almeno un libro al mese ma che alla fine si riduce a leggere solamente d’estate, tra una tintarella e l’altra.

Qualunque sia la categoria a cui appartieni, caro lettore, ricorda sempre a te stesso: la lettura rende affascinanti.

Infatti  secondo una una ricerca condotta dal sito inglese di incontri “eHarmony“  gli uomini che leggono ricevono il 19% in più di messaggi  mentre le lettrici circa il 3%. I lettori voraci – ha dimostrato la ricerca – sono più curiosi intellettualmente e più predisposti a relazioni sane e felici.

Ma non tutti i libri rendono affascinanti i lettori; ci sarebbe, addirittura, una lista di libri su cui gravida intorno un pesante pregiudizio intellettuale. Questo è il genere, ad esempio, di Cinquanta sfumature di grigio, Calendar girl o Harry Potter. 

Immaginatevi di interloquire con un lettore/lettrice che inizia ad elencarvi formule magiche o giochi dalla dubbia moralità e improbabili safeword e stanze rosse.

Di sicuro non sarebbe il fascino a contraddistinguerli.

Ecco, di seguito, una lista di cinque libri che sicuramente vi renderà, non solo più eruditi ma sicuramente più attraenti.

PER GLI AMANTI DELLA SCIENZA

RESI UMANI: Da organismi scimmieschi all’ominide pensante. Una storia ancora da scrivere. 

Di Pietro Buffa e Mauro Biglino. 

resi-umani

Agli inizi degli anni ’70, Roger W. Wescott, allora professore ordinario di antropologia alla Drew University nel Medison, scosse la comunità accademica con un lavoro editoriale in cui si sosteneva che la nostra evoluzione fosse legata a processi di domesticazione. In quel suo saggio «The Divine Animal» lo studioso ipotizzava che antichi colonizzatori del nostro pianeta avessero effettuato pressioni selettive sugli ominidi, guidando nel tempo l’evoluzione umana, sia biologica che culturale. A distanza di quasi 50 anni da quel primo studio, gli autori Mauro Biglino e Pietro Buffa tornano sul tema alla luce di conoscenze più moderne e dati più aggiornati che provengono sia dal mondo scientifico che dall’analisi degli antichi testi sulle origini.

In questo libro scoprirai:

  • Perché Homo sapiens mostra (tra i primati) caratteristiche biologiche tipiche delle specie addomesticate?
  • Domesticazione nell’evoluzione umana: processo autonomo od opera di terzi?
  • Antichi miti descrivono come all’uomo sia stato insegnato tutto…
  • All’interno del genoma per comprendere cosa ci ha reso umani e cosa è la “materia oscura del genoma”.
  • Antichi miti descrivono manipolazioni di embrioni e nascite di uomini al di fuori del corpo materno (ectogenesi), una possibilità a cui la scienza lavora.

…e molto altro ancora!

PER GLI AMANTI DELLA FOTOGRAFIA

LO SGUARDO ROVESCIATO. COME LA FOTOGRAFIA STA CAMBIANDO LE NOSTRE VITE.

Di Roberto Cotroneo

Schermata 2018-08-02 alle 19.07.37

Miliardi di foto postate e condivise sui social network, di macchine analogiche e digitali sempre più sofisticate ma anche sempre più superate da tablet e smartphone. Miliardi di immagini da cui nei prossimi anni saremo invasi, perché mai come oggi la fotografia accompagna ogni momento delle giornate di noi tutti: fotografi più o meno consapevoli, che, con il semplice gesto di estrarre dalla tasca il telefonino, abbiamo imparato a consegnare vite intere, ricordi e bellezza, a flussi di immagini archiviate (e spesso dimenticate) in una memoria esterna artificiale. Immagini che crediamo eterne ma che sono, in realtà, molto più effimere e destinate all’oblio delle vecchie diapositive. Scatti che possiamo sì moltiplicare all’infinito ma che si riescono a visualizzare al meglio solo nelle ridottissime dimensioni della cornice di uno smartphone. Selfie che dimostrano fino a che punto la nuova fotografia dell’era digitale stia diventando sempre più specchio, e non finestra sul mondo. Perdendo per sempre la sua magia. Ma che ne sarà della verità e della potenza della fotografia? Che ne sarà della sua particolarissima magia, che rivela e spiega, che denuncia e mette a nudo? Se lo chiede Roberto Cotroneo in questo saggio sulla fotografia e la sua storia che è al contempo un personalissimo memoir, in grado di evocare sulla pagina la magia stessa delle immagini fotografiche.

PER GLI AMANTI DELLA FILOSOFIA

LA VITA DI OGNI GIORNO. CINQUE LEZIONI DI FILOSOFIA PER IMPARARE A STARE AL MONDO.

Di Leonardo Caffo

9788806231293_0_0_1544_75

Un viaggio dentro la filosofia che risponde alle domande fondamentali di ognuno di noi. Perché imparare a stare al mondo significa fare della vita, la nostra unica vita, un’occasione di felicità.

Siete in macchina. Fuori il sole è bello come non capitava da un po’. Mentre la strada che percorrete costeggia un paesaggio di campagna, dallo specchietto retrovisore vedete un ragazzo cadere dalla moto. Il tempo stringe e non ci sono altri automobilisti, il che vi consentirebbe di andare via senza essere giudicati. Eppure vi fermate, inserite la retro e cercate di capire come aiutare il motociclista. In quel cambio di marcia risiede un gesto immenso: avete appena trasformato un comportamento qualunque in un’azione filosofica. La filosofia si occupa di cose come questa, scardina la realtà che diamo per scontata e apre a mondi possibili. Il filosofo, in fondo, è una guida turistica. Non ci obbliga a seguire una strada, ma ci suggerisce alcune alternative fondate sul ragionamento, ci abitua al confronto, ci impedisce di accontentarci di una sola risposta. Con questo libro Leonardo Caffo ci mette a disposizione gli strumenti che servono: una cassetta degli attrezzi con i quali montare e smontare i problemi che la vita di ogni giorno ci pone. E diventare architetti della nostra esistenza e del nostro futuro.

PER GLI AMANTI DEI CLASSICI

LE NOTTI BIANCHE

Di Fëdor Dostoevskij

91taH-QDQCL

Quattro notti e un mattino per raccontare una storia che si muove al buio e nella penombra della coscienza. Un giovane sognatore, abituato a nutrirsi di sentimenti e impressioni, incontra nella notte una ragazza piangente e sola che sarà per lui l’appiglio verso il concreto mondo diurno. La città di San Pietroburgo saprà cullare nel suo bianco silenzio questa storia a due voci, fatta di confidenze notturne, attese e speranze e il mattino, al risveglio, rimarrà quello strano sapore in bocca, quella domanda di realtà inevasa: nelle notti bianche, negli improbabili intrecci e nei sussurri furtivi di due ipotetici amanti, qual è il vero confine del sogno?

PER GLI AMANTI DELLE NUOVE USCITE

MEET ME ALLA BOA

Di  Paolo Stella

Schermata 2018-08-02 alle 19.20.38

«Sono l’ufficiale di polizia Betancourt, del distretto di Paris.» «Scusi, ha detto polizia?» «Sì. Lei è da solo in casa? Può sedersi per favore?» «Sono in piedi e sono solo.» «Si sieda, per favore.» «Sono seduto.» «Bene. La chiamo perché abbiamo trovato questo numero sul cellulare di una ragazza qui a Paris; ha subito un incidente. La situazione è molto delicata. Abbiamo chiamato “casa”. Quindi supponiamo lei sia della famiglia.» «Sono il suo ragazzo.» «Stiamo cercando di contattare anche i genitori, perché riteniamo opportuno che veniate il più presto possibile a Paris. Non troviamo il loro numero. Lei me lo potrebbe fornire?» «Non li conosco personalmente, mi dia un attimo.» «Bene, la ringrazio. Pensa di venire?» «Certo. Prendo un volo e arrivo.» «Bene, le lascio il numero del…» «È morta, vero?» Troppo silenzio. Lo senti subito quel troppo, è lucido come una lama. «La situazione è critica.» «È morta.» «Mi dispiace molto. La aspettiamo qui, quando potrà.» Clic. Con il cuore in apnea, Franci si imbarca sul primo aereo disponibile e arriva puntuale all’obitorio. Soltanto trenta passi lo dividono dalla cella refrigerata dove giace quel corpo da riconoscere. Varcato il portone, il tempo rallenta e a ogni passo rivede il film clamoroso e coinvolgente della sua meravigliosa storia d’amore. Lui e Marti. Vita, viaggi, discussioni, amore e bellezza, sorprese e giuramenti. Una storia fra due persone che si sono amate, donandosi il bene prezioso della libertà reciproca, qualcosa capace di superare anche la morte.

@copyright foto copertina:

http://www.ilbacodaseta.org/la-recensione-del-baco/tredici-libri-per-lestate-i-consigli-di-lettura-del-baco-per-la-stagione-piu-calda-e-profumata-dellanno/

Annunci

Rispondi