CULTURA

I LAN PARTY – CRONACA SEMI SERIA SULLE NOTTI BIANCHE DEI NERD

 

Quando le giornate si fanno calde e si cerca uno sfogo dalla città e dallo stress, ecco che gli abbronzatissimi si rilassano con le varie notti bianche in compagnia di alcol, musica e orde di gente sudaticcia e appiccicosa. Poi ci sono quelle persone che fanno del loro pallore quasi un vanto, che odiano tanto la gente che non si avvicinerebbero mai ad un evento con più di dieci partecipanti e che sanno apprezzare molto più la vita notturna tra quattro mura che all’area aperta… no, non si tratta di Vampiri e men che meno di aristocratici dei tempi andati, ma della specie più pura di Nerd!

Rinchiusi nelle loro case con tutta la tecnologia e aria condizionata di cui hanno bisogno, la specie dei Nerd tende ad organizzare le sue personalissime e esclusivissime notti bianche sin dai lontani anni ’90, dando loro il nome di LAN Party. Tipicamente organizzati a casa dell’amico con la stanza più ampia, più fresca e più fornita di prese multiple per diversi computer, questi eventi sono limitati ad un massimo di quattro/sei persone in dipendenza del gioco eletto per il divertimento notturno.

I grandi classici, sempre ben venuti durante i LAN Party, sono sicuramente Doom, UnrealTournament, StarCraft, Quake, WarCraft III e Age of Empires sono per citarne alcuni, mentre c’era un tempo in cui la tecnologia non faceva ancora parte della vita della specie Nerd in cui la scelta non poteva che ricadere su Dungeons & Dragons o, durante le notti del venerdì, su Magic: l’Adunanza.

Con il tempo, la tecnologia a disposizione della specie Nerd si è evoluta e ha iniziato a permettere l’utilizzo di quella magica tecnologia che è Internet per poter giocare tutti assieme. Questo forte cambiamento ha spinto i LAN Party a migrare i partecipanti verso luoghi con potenti connessioni wi fi o, ancora meglio, con potenti router con tante porte ethernet da poter sfruttare.

Questa particolare nuova necessità è anche accompagnata dalla comparsa di nuovi titoli superfrenetici a cui poter giocare: Overwatch, World of Warcraft, Paladins, Path of Exile, Warframe, Fortnite, League of Legends e Rocket League sono forse i più apprezzati da questi chiari abitanti della notte. Ma, attenzione: anche se la magica scatola dell’Internet permette di giocare a grande distanza e senza dover essere tutti nello stesso posto, un vero LAN Party non potrà mai prendere vita su Discord o TeamSpeak ma solo quando i Nerd concentrano al loro nerdaggine in una unica stanza.

I più temerari potrebbero pensare che un LAN Party potrebbe prendere vita anche con Nerd possessori di console portatili o, forse ancora meglio, console casalinghe da collegare a televisori, ma fate attenzione a non farvi sentire da un appartenente alla specie dei Nerd mentre esprimente questo vostro parere. Così come non esiste un LAN Party senza un raduno fisico, così non esiste un LAN Party con qualcosa di diverso da un computer… meglio ancora se sotto forma di luminosi case con l’interno bene in vista.

Nonostante la “cultura Nerd” si sia diffusa e sia entrata nel mainstream della conoscenza e usanza Pop, i partecipanti a questi esclusivi eventi vengono ancora additati dal mondo abbronzato come “sfigati” o “secchioni”, soprattutto per la normale mancanza di esseri di sesso femminile in carne ed ossa. Non lasciatevi però ingannare dai grandi numeri: la specie dei Nerd sta lentamente ottenendo sempre più appartenenti al gentil sesso che, una volta entrati a far parte della competizione, diventa aggressiva e rude al pari di qualsiasi altro Nerd.

Se quindi vi imbattete in esseri catarifrangenti armati di mouse, tastiera, pad, case, schermi, cuffie e una marea di cavi, non allarmatevi! Potreste star assistendo ad uno degli eventi più esclusivi e speciali della vostra città… anche senza “Black Jack e Squillo di Lusso”!

Alessandro d’Amito

 

Immagini 1 Copertina

Annunci

Rispondi