ATTUALITÀ

IN VIAGGIO VERSO IL SOLE CON IL PARKER SOLAR PROBE: LA NASA PRONTA PER UNA NUOVA MISSIONE

Per festeggiare i 60 anni, la NASA compirà una missione unica nel suo genere e che vede protagonista la nostra stella più importante, il Sole. La missione in questione partirà il 6 Agosto e il suo nome è Parker Solar Probe e il compito della sonda (che sarà poco più grande di un’utilitaria) sarà quello di raccogliere dati utili per lo studio dell’attività solare per aumentare le nostre conoscenze in merito e per far si che si possano prevedere determinati avvenimenti spaziali legati all’attività solare i cui effetti ricadono anche sulla terra.

parker solar probe

Nello specifico il Parker Solar Probe ha tre dettagliati obiettivi scientifici principali. Tracciare il flusso di energia che colpisce e accelera l’attività della corona solare e dei venti solari. Determinare la struttura e il dinamismo del plasma e del campo magnetico che stanno all’origine dei venti solari. Infine, esplorare i meccanismi che possono contribuire ad accelerare il trasporto di particelle di energia.

La rotta che compirà il Parker Solar Probe sarà caratterizzata dalla particolare spinta gravitazionale che su di esso eserciterà il pianeta Venere. La sonda compirà un sorvolo ravvicinato sia di Venere sia, ovviamente, del sole con il quale manterrà la breve distanza di sei milioni di chilometri. Naturalmente, questo comporterà l’uso di un particolare scudo termico protettivo a base di carbonio dello spessore di circa 12 centimetri, per far fronte a una esposizione di più di 1.377 gradi celsius e, ovviamente, a forti radiazioni.

16-00815_MissionDesign-sm

Questa missione sicuramente rimarrà nella storia, anche perché ricordiamo che sono ben cinquanta anni che la NASA ci sta pensando e da quel momento tutti gli studi sono stati fatti in prospettiva propio di questo viaggio che per la prima volta ci permetterà di studiare le caratteristiche dell’atmosfera solare, la corona.

Quindi, come possiamo vedere, l’interesse per il sole della NASA, non è qualcosa di recente. Inoltre, molti altri studi sono stati fatti proprio per studiare le caratteristiche della nostra amata stella. Il 25 luglio, per esempio l’agenzia ha catturato il respiro del sole, un’emozione unica e delicata che ci fa comprendere quanto ancora poco sappiamo del nostro universo infinito.

«Anche se il vento solare è invisibile», ha sottolineato Nicky Fox, scienziato del progetto Parker Solar Probe presso l’Applied Physics Lab della Johns Hopkins University a Laurel, nel Maryland, «possiamo vederlo circondare i poli con l’aurora boreale, un fenomeno bellissimo, che rivela l’enorme quantità di energia e particelleche si riversano nella nostra atmosfera. Non abbiamo una perfetta comprensione dei meccanismi che guidano quel vento verso di noi, ed è quello che stiamo cercando scoprire».

Una vera e propria rivoluzione che ci riporta all’emozione dell’allunaggio e delle tante altre missioni NASA, fortunate o meno. Fatto sta che la curiosità dell’uomo è infinita proprio quanto l’universo in cui vive, per questo motivo noi ci prepariamo già al countdown e restiamo con il fiato sospeso.

Copyright foto, Copertina

Annunci

Rispondi