CULTURA

LA BELLA E LA BESTIA, L’AMORE OLTRE LE APPARENZE

Un principe egoista e prepotente, con un cuore di pietra; una fanciulla del popolo, coraggiosa, caparbia e curiosa della vita; un maleficio che punisce il principe per la sua tracotanza e per aver rifiutato di prestare soccorso ad un’anziana donna in difficoltà, trasformandolo in Bestia; un castello, quello che per molte principesse sarebbe il sogno della vita, ma che per la nostra Belle, principessa popolare, è in fondo una sorta di prigione, nella quale viene relegata per salvare suo padre e dove è costretta alla condivisione con la Bestia; una rosa di colore rosso carminio, infine, che scandisce il tempo che rimane al principe e si spoglia della sua vivida bellezza preannunciando una fine imminente per il crudele e arido principe Adam…a meno che egli non incontri l’Amore prima che essa perda l’ultimo petalo.

Sono questi gli elementi, nient’affatto scontati, della meravigliosa storia d’amore nota come La Bella e la Bestia.

Un amore solo apparentemente impossibile è quello che inaspettatamente nasce tra colui che è imprigionato nel corpo del mostro e la donna che riuscirà a scalfire la ruvidità della sua corazza esteriore, per scoprire che in fondo il suo animo è nobile e buono, oltre le aspettative.

L’elogio è alla diversità; Belle non si lascia ingannare dall’aspetto rivoltante del suo “coinquilino” di corte e cerca di vedere ciò che agli occhi è invisibile, usando il linguaggio del cuore.

L’amore è costanza, è pazienza, è capacità di sacrificare se stesso all’altro e di leggere i segnali, andando oltre le apparenze e guardando nell’animo dell’interlocutore.

È questo l’approccio che consente a Belle di non temere la Bestia, ma di affrontarla, di comprendere che dietro le sembianze sgradevoli di quel corpo deforme vi sono sentimenti che non aspettano altro che di venire a galla; così Belle impara ad amare la Bestia oltre e al di là di ciò che appare agli occhi degli altri.

La fiaba fa capo alla paternità della scrittrice francese Jeanne Marie Le Prince de Beaumont ed evoca a tratti la storia di Apuleio intitolata Amore e Psiche. In realtà una prima versione scritta del racconto risalirebbe ad una pubblicazione di Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve nell’ambito di una serie di racconti narrati da una anziana signora durante un viaggio per mare ed intitolata “La jeune américaine, et les contes marins” del 1740.

Il merito della de Beaumont fu quello di aver abbreviato la fiaba per pubblicarla nel 1756, eliminando buona parte dei dettagli violenti e scabrosi del racconto, al fine di renderlo fruibile anche ai suoi studenti (la donna era infatti insegnante e scrittrice di libri sull’educazione dei ragazzi).

Fu in tale versione semplificata che la storia de La Bella e la Bestia si affermò e divenne popolare.

Riguardo ai fatti narrati nel racconto non mancano voci in merito ad un presumibile collegamento tra il racconto e le vicende realmente accadute di Petrus Gonsalvus, nobile spagnolo appartenente alla corte di Enrico II di Francia che soffriva di una patologia chiamata ipertricosi a causa della quale aveva il volto ed il corpo ricoperto di peli.

La storia è stata tradotta dalla Disney in un film di animazione nell’anno 1991, meritando la candidatura a cinque nomination, il conseguimento di due Oscar (come Migliore colonna sonora e Migliore canzone intepretata da una superba Célin Dion in duetto con Peabo Bryson), e tre Golden Globe come Miglior film musicale, colonna sonora e canzone originale.

Il successo della pellicola (e della fiaba in generale) trova la sua ratio in un significato profondo, quello legato al messaggio che chi la inventò voleva che arrivasse al suo pubblico; Adam e Belle sono apparentemente molto diversi tra loro ma imparano ad accettare la loro diversità, si innamorano reciprocamente perché, a discapito di quanto sembri allontanarli e generare una distanza fisica apparentemente incolmabile, in realtà i due “si riconoscono” a vicenda, arrivando a scoprire in se stessi un pò dell’altro.

copyright foto: www.padovaoggi.it/eventi/bella-bestia-lux-padova-25-26-novembre-2017.html

Annunci

Rispondi