MetisMagazine

AIUTO, TEMO DI ESSER STATA VITTIMA DI STEALTHING

Cari Adam&Eva, 

sono Lia, ho 36 anni, un buon lavoro, una vita indipendente.

Sei mesi fa ho iniziato a frequentare un ragazzo che mi attraeva fisicamente, molto educato e gentile con me, ma di cui non mi sono innamorata.

Dopo aver chiuso la frequentazione con lui, mi sono accorta di essere incinta; da premettere che era lui ad occuparsi delle precauzioni, rassicurandomi ogni volta. Per me è stato uno choc, ho pianto per giorni non sapendo cosa fare. Quando gli comunico la notizia, inaspettatamente, l’ha presa benissimo proponendomi addirittura di ricominciare a frequentarci. 

Inutile dire che tutto questo mi ha mandata molto in confusione, non penso di tornare sui miei passi riguardo la nostra relazione, ma mi chiedo come comportarmi con la gravidanza.  Ma il dubbio che più mi affligge è quello di essere stata vittima di stealthing. 

Cosa posso fare? Questa situazione mi fa molta paura.


Cara Lia,

se sei stata vittima di stealthing, che è la pratica sessuale in cui l’uomo si sfila il preservativo durante il rapporto intimo senza chiedere alcun consenso al partner, la situazione è ben più grave di come la descrivi.

L’aspetto spaventoso di questa “pratica” è che il partner viene assolutamente tenuto all’oscuro di questa decisione, e pur essendo diventato un atto talmente abituale negli ultimi anni, tanto da diventare tendenza, si tratta di un vero e proprio abuso sessuale.

Questo atto spesso mette a rischio la salute del partner, oltre ad esporla a gravidanze indesiderate, come nel tuo caso.

Oltre al rischio di potenziali ripercussioni di malattie sessualmente trasmissibili come l’AIDS o il Papilloma virus, le vittime provano anche sentimenti di confusione e vergogna simili a quelli delle vittime di altri tipi di violenza sessuale.

Può capitare sia tra eterosessuali che tra omosessuali e in tutti i casi è una forma di violenza, visto che l’altro ha dato consenso solo al sesso protetto e non al rapporto praticato senza preservativo.

Riguardo la gravidanza e il vostro eventuale ritorno di fiamma, mia cara Lia, è banale dirti che solo in cuor tuo sai cosa è giusto fare. Una nuova vita porta sempre luce in ogni casa, ma una gravidanza non è sempre una buona ragione per ricominciare una love story con il padre del bambino.

Buona fortuna!

Adam&Eva


Copyright:  copertina

Annunci

Rispondi