CULTURA

UN PENSIERO STUPENDO PER PATTY PRAVO – LA RAGAZZA DEL PIPER COMPIE 71 ANNI

Bastano tre pronomi e un verbo: tu, noi, lei e vorrei per farci venire subito in mente una bionda atomica, icona di libertà e sensualità che, con la sua calda voce e una  R morbida, ha descritto alla fine degli anni ’70 uno scenario sensuale e rivoluzionario: quello di un ménage a trois!

È Gennaio del 1978 quando Patty Pravo manda in pensione gelosie e moralismi e canta non solo ”il triangolo amoroso” per eccellenza ma anche la libertà del desiderio.

Non può che cantarla lei, al secolo Nicoletta Strambelli, nata proprio l’anno dell’entrata in vigore della Costituzione italiana: era il 9 Aprile del 1948.

Un’artista davvero rivoluzionaria e sui generis che ha scelto come nome d’arte l’aggettivo pravo che nell’inferno dantesco significa perverso.

Guai a voi anime prave!

Divina Commedia – Inferno – Canto III – vv.82-111

Dopo gli esordi al Piper, il locale romano più in voga in Italia, e forse d’Europa degli ultimi decenni del ‘900, Patty Pravo si è rivelata essere la cantante più moderna, elegante e trasgressiva del pop italiano e Pensiero Stupendo ne è il manifesto.

Eppure non doveva cantarla lei.

Gli autori Oscar Prudente e Ivano Fossati l’avevano proposta a Loredana Bertè che la rifiutò, reduce dal successo di ‘Sei bellissima‘, e poi  all’artista francese Joan Emas.

Fu l’intuizione del capo della Rca Ennio Melis a far si che venisse interpretata dalla ” ragazza del Piper” facendola divenire una dei suoi più grandi successi.

La sua aria candida ne alleggerisce il messaggio del testo spalancando le porte verso un’era d’amore senza pregiudizi.

Nel giorno del suo settantunesimo compleanno vogliamo celebrarla cosi…

 

Annunci

Rispondi