Metis Oggi

8 GENNAIO 1935: NASCE ELVIS PRESLEY, IL RE DEL ROCK

«You’ve got to follow that dream , wherever that dream may lead» (Segui quel sogno, ovunque ti possa condurre). Elvis Presley

 

L’ 8 gennaio 1935, in una piccola abitazione a Tupelo nel Mississipi (USA), nasceva la leggenda del rock: Elvis Aaron Presley. Sopravvissuto alla nascita al gemello Jessie Garon Presley, Elvis fin da giovanissimo inizia ad avvicinarsi alla musica, pare che la prima chitarra gli fosse stata regalata proprio all’età di 11 anni. In realtà il piccolo Elvis avrebbe chiesto in regalo una bicicletta ma i suoi genitori non potendosela permettere perché troppo costosa, “declinarono” su una sei corde.

Vera e propria icona della cultura pop del XX secolo, The Pelvis (soprannominato così per i caratteristici movimenti di bacino), nei suoi 24 anni di carriera ha pubblicato 61 album e venduto oltre 1 miliardo di dischi in tutto il mondo restando per molto tempo in vetta alle classifiche.
Da Love me tender a Heartbreak Hotel, i suoi brani sono immortali, senza tempo, ancora oggi riproposti da molti artisti.  Il successo, purtroppo, non lo preservò da periodi bui. Dopo il divorzio dalla moglie Priscilla, visse un lungo periodo di depressione, durante il quale abusò di psicofarmaci ed iniziò ad avere un’alimentazione disordinata, che lo portò ad ingrassare vistosamente e a sottoporsi a diete dimagranti a base di medicinali. Il Re del Rock’n’roll morirà a soli 42 anni per un arresto cardiaco, il 16 agosto 1977.  Fu trovato morto da Ginger Alden, nuova compagna del cantante (da Priscilla, unica moglie del cantante, divorziò nel 1973). Una morte che sconvolse l’America e ancora oggi avvolta nel mistero. Anni dopo infatti, George Nichopoulos, medico personale di Elvis, disse che il cantante aveva vomitato mentre era stato colpito da un infarto. Un uso eccessivo di psicofarmaci, anfetamine, barbiturici e stimolanti. Sostanze ritrovate nel suo corpo. Altri invece additano come causail peso eccessivo. Con un 1.82 m di altezza si dice che – al momento della morte – pesasse ben 160 kg. – abbastanza per portare ad un infarto.

 

 

 

 

 

Rispondi