Metis Oggi

AGATHA CHRISTIE: LA SCRITTRICE CHE RIVOLUZIONÒ LA LETTERATURA

Il 12 Gennaio del 1976 si spegneva a Wallingford la più grande scrittrice di romanzi gialli di tutti i tempi, Agatha Christie. Il suo vero nome era Dame Agatha Mary Clarissa Miller, Lady Mallowan, ma è con lo pseudonimo Agatha Christie che fece il suo esordio letterario nel 1920, inaugurando con “Poirot e il mistero di Styles Court” la fortunatissima saga dell’investigatore belga Hercule Poirot. Così dalla penna di Agatha nasce l’investigatore belga vanitoso e maniaco dell’ordine Hercule Poirot, l’eccentrico personaggio dalla testa d’uovo e dai baffi impomatati; il romanzo  era stato scritto quattro anni prima e rifiutato da vari editori.

Dell’educazione di Agatha si occuparono la madre e la nonna. A 16 anni le fu permesso di recarsi a Parigi, per perfezionare gli studi di musica e canto, perché a quel tempo aspirava a diventare una cantante lirica. Dopo due anni tornò in Inghilterra e cominciò a dedicarsi all’altro suo hobby: la scrittura. Così riuscì a veder pubblicate delle sue poesie su “The Poetry Review”. I suoi manoscritti, invece, firmati con lo pseudonimo Mary Westmacott, venivano puntualmente rifiutati.

Nei suoi due ultimi romanzi, “Sipario, l’ultima avventura di Poirot” (1975) e “Addio, Miss Marple”  (1976) l’autrice ha scelto di far morire i due, ormai vecchissimi, detective: i romanzi erano stati scritti anni addietro, ma la scrittrice scelse di mantenerli inediti sino a poco prima della sua morte.

Continua a leggere a questo link

AGATHA CHRISTIE: LA SIGNORA DEL GIALLO

 

Rispondi