Magazine

MARCO SIMONCELLI, IL RICORDO INDELEBILE DI UN FUORICLASSE

Otto anni senza Simoncelli, otto anni senza SuperSic, un lasso di tempo che pesa come un macigno su tutti coloro che lo amavano, che lo seguivano nelle sue imprese epiche, perché il Sic era una promessa del mondo del motociclismo, questo è un dato di fatto che non può trovare smentita.

Il 23 ottobre del 2011 Marco Simoncelli, pilota riminese della scuderia Honda, trovò la morte sul circuito di Sepang, durante il Gran Premio della Malesia.

Erano le 10.55 di mattina in Italia (le 16,55 ora locale) quando gli appassionati di motociclismo rimasero pietrificati davanti ai televisori, costretti a bloccare il fiato di fronte ad una caduta apparentemente come tante, ma che nel giro di pochi secondi si trasformò in tragedia.

Nell’imminenza dei fatti si è urlato alla mancanza di sicurezza additando il mondo del motociclismo, si è tentato di comprendere se i piloti che seguivano Marco Simoncelli e che gli sono finiti inevitabilmente addosso abbiano potuto avere un ruolo nel decorso degli eventi; sull’onda emotiva del momento si è tentato di cercare una giustificazione a ciò che invece giustificazione non ha.

Se n’è andato a 24 anni e un pò Marco Simoncelli, semplicemente per una tragica fatalità; per una caduta in pista a seguito della quale gli si è sfilato il casco e per la ruota di una moto in corsa gli è passata sul collo, il resto è storia.

Ha lasciato attorno a sé il vuoto, abbandonando irrimediabilmente il sogno di perseguire una carriera per la quale era evidentemente nato, lui che a dodici anni era già campione italiano e che nel 2008 era stato proclamato campione del mondo della classe 250.

Nel 2016, alla vigilia del week end di Misano, circuito intitolato proprio a Marco Simoncelli, il numero 58 è stato ritirato ed eliminato dalle competizioni motoristiche in segno di tributo al pilota scomparso, come a dire che quel numero che apparteneva a lui e che con lui era diventato “grande”, senza SuperSic non aveva ragion d’essere.

Per Simoncelli oggi corre il team “Sic 58 Squadra Corse”, squadra di piloti esordienti nata nel 2013 per volontà di Paolo Simoncelli, padre del campione e suo grande sostenitore, un uomo che ha affrontato il dolore della perdita con una forza d’animo esemplare e che ha voluto dedicare al figlio scomparso prematuramente questo progetto nato dalla passione comune per le due ruote, per ricordare al mondo chi era Marco Simoncelli, perché il suo sorriso sopravviva alla sua dipartita, e per tornare a correre insieme…ancora.

 

Copyright foto: http://blog.euroimportpneumatici.com/marco-simoncelli-la-scuola-dove-si-diplomo-gli-intitola-laula-magna.html

Annunci

Rispondi