Metis Oggi

CARTESIO, IL GRANDE GENIO

Era l’11 Febbraio del 1650 quando Cartesio morì. Universalmente riconosciuto come il padre della filosofia moderna, il suo metodo d’indagine ha rivoluzionato le diverse forme del sapere, dalla matematica alla letteratura. Insieme a Pascal è considerato anche il fondatore della prosa francese; caratteristiche essenziali del suo stile sono la chiarezza e la linearità, che ispirarono i successivi sviluppi della letteratura illuministica.

Cogito ergo sum. Penso dunque sono. Secondo Cartesio, questo assioma era sufficiente a definire l’esistenza di un individuo. Una delle domande esistenziali più profonde della storia, riassunta in tre semplici parole sostenute, però, da un profondo contesto filosofico. Per il pensatore francese, il fatto stesso che l’uomo possa dubitare dell’esistenza del mondo che lo circonda, che ne possa venire anche ingannato, ne conferma in modo indiscutibile l’esistenza stessa. Esistiamo perché dubitiamo, utilizzando il pensiero come strumento per sondare il mondo. Ma non siamo gli unici a farlo.

Se il pensiero cartesiano è rimasto cristallizzato nel tempo, diventando una colonna portante del mondo moderno, chi si è spinto oltre è proprio il pensiero umano, che ha portato la scienza ad evolversi verso nuovi orizzonti. Come l’intelligenza artificiale, un diversa entità di pensiero che sarebbe una vera sfida per il pensiero cartesiano.

Continua a leggere a questo link

COGITO ERGO SUM 2.0 – DA CARTESIO ALL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Annunci

Rispondi