Magazine

TREND PRIMAVERA-ESTATE: UN REMAKE HORROR ANNI ’90 CI ATTENDE

Surriscaldamento terrestre, terrorismo, guerra batteriologica e chi più ne ha più ne metta, siamo giunti in una fase della nostra umanità che ci ha trovati impreparati e nuovi dinanzi ad un nemico che non ha volto ma ha un grado di pericolosità altissimo: il Covid-19.

La quarantena è lo scotto da pagare e il decreto #restiamoacasa è ciò che ci è stato chiesto di rispettare per il bene della nostra salute ma soprattutto dei nostri cari. Un sacrificio che non ha paragoni se si considerano le migliaia di persone coinvolte in prima linea, tra medici, infermieri, forze dell’ordine e volontari che ogni giorno non si perdono d’animo dando supporto in tutti i modi possibili alle persone positive al virus e alle loro famiglia.

L’unica certezza che abbiamo è che presto ritorneremo alle nostre vite, probabilmente mutati, e riprenderemo a ripercorrere in loop il tran tran della vita di sempre. Con stile…o forse no.

Se in questi giorni vi è capitato di cercare distrazioni sul web e visitare siti di moda, avrete notato sicuramente le nuove tendenze primavera – estate.

Ebbene, non siete dinanzi ad un disturbo della senso-percezione, una collezione horror tutta anni ’90 ci attende.

Il mood che ha caratterizzato la decade di Beverly Hills e di Non è la Rai, gli anni di Kate Moss in passerella e di Gwyneth Paltrow in Calvin Klein è tornata a ispirare i designer e le collezioni moda Primavera Estate 2020 e decreta il gran vague di quei vestiti Anni 90. Diversi tra loro per dettagli o singoli elementi, ma tutti accomunati da quell’essenzialità e da quella purezza  sartoriale che oggi la moda riscopre. Almeno così sono stati definiti dai guru dello stile.

Grande ritorno: l’abito floreale. Piccoli o microscopici, tratteggiati come disegni, maxi e coloratissimi, le collezioni primavera estate 2020 dimostrano che l’abito midi floreale può diventare addirittura rivoluzionario, con modelli drappeggiati in tessuti satinati stampati a micro arbusti, primule giganti di paillettes, divagazioni selvagge a tema safari e studiati cut out che lo rendono insospettabilmente sexy.

Abiti neri con collo arrotondato, magliette in popeline con volant, vestiti con spalline arricciate, pantaloncini bombati con arricciatura sui fianchi e dulcis in fundo….le scarpe carroarmato.

Tutto sommato un prolungamento del decreto non sarebbe così nocivo per il nostro delicato buongusto: #restiamoacasapiuttosto.

Quante decideranno di restare a casa ora e ” out” poi?

Rispondi