CULTURA

ALESSANDRO IL GRANDE: UOMO O SUPERUOMO?

Nulla è impossibile per colui che osa

E questo doveva saperlo bene colui che dalla storiografia mondiale è considerato il più grande condottiero che l’umanità abbia mai avuto.

Era il 22 Luglio del 356 a.C. quando Alessandro il Grande nacque a Pella, una delle capitali del Regno di Macedonia, nel 356 a.C. Suo padre, Filippo II – che molto probabilmente ancora oggi, stranamente, non gode della stessa fama del figlio – ricoprì un’importanza storica e politica decisiva nel cambiamento che vide avvicendarsi l’epoca classica con quella ellenistica.

‘’Non ci fu popolo, né città, né un solo uomo di quel tempo cui non sia giunto il nome di Alessandro; non mi sembra che un uomo simile, non somigliante a nessun altro, sarebbe potuto nascere senza un intervento divino.’’

Anabasi di Alessandro, Arriano (VII, 30, 2)

Alessandro Magno fu una delle figure più affascinanti e allo stesso tempo ambigue dell’epoca antica. A soli 33 anni si ritrovò ad aver sconfitto l’impero più grande che la storia fino ad allora avesse mai conosciuto, si spinse fin oltre i confini del mondo e fu il simbolo della prima grande fusione tra Occidente e Oriente.

Educato da Aristotele in persona, l’unico a poter domare il leggendario cavallo Bucefalo, mai sconfitto in battaglia e il solo ad aver risolto il più grande enigma dell’antichità, il Nodo Gordiano, neanche trentenne conquistò la quasi totalità del mondo allora conosciuto, dalla Grecia fino all’India.

E queste sono solo alcune delle perle sul conquistatore più Magno della storia.

Rispondi