Magazine

18 AGOSTO 1958: ESCE “LOLITA”, IL ROMANZO SCANDALO.

Dopo una prima apparizione a Parigi passata sotto silenzio, il 18 agosto 1958 usciva negli Stati Uniti Lolita, il romanzo dello scrittore russo Vladimir Nabokov (Putnam’s Sons). Protagonista è il professor 40enne  Humbert Humbert e la sua morbosa passione per la dodicenne Dolores Haze, che chiama con il diminutivo Lolita. Si grida subito allo scandalo e la stampa, su tutti il New York Times, lo accusa di “pornografia”. Ma le critiche non ostacolano affatto l’enorme successo di pubblico: 100 mila copie vendute in tre settimane, primato raggiunto soltanto da “Via col vento” di Margaret Mitchell. Nel 1962 Stanley Kubrick portò sul grande schermo la trasposizione cinematografica di “Lolita”. La sceneggiatura fu scritta dallo stesso Nabokov ma Kubrick la rimaneggiò notevolmente, dando per esempio molta più importanza alla figura di Clare Quilty (Peter Sellers),  il drammaturgo che aiuta Lolita a scappare da Humbert.

Lolita è stato  descritto come un romanzo il cui tema prevalente è la pedofilia, ma è un giudizio affrettato e  fin troppo abusato dai  critici del XX e XI secolo. Nabokov costruisce una trama ricca di compromessi che hanno il compito di accompagnare il lettore attraverso il viaggio interiore del protagonista nonché voce narrante. Humbert non cerca di celare la sua natura e le sue pulsioni, è un uomo sincero e aperto; ciò che accomuna il protagonista all’intera opera è proprio il fascino perverso. L’attrazione per la giovane Haze porterà Humbert a sposare la madre Charlotte che – per fortuna di quest’ultimo – perderà la vita in un incidente stradale poco dopo il matrimonio. Liberatosi della donna  Humbert realizza il suo più grande sogno: avere Lolita. Da questo momento in poi i due ( probabilmente anche per sfuggire agli sguardi indiscreti della gente del posto) inizieranno a spostarsi irregolarmente per gli Stati Uniti passando da un motel all’altro. Ad un certo punto della storia sono seguiti da un uomo, Quilty, un commediografo conosciuto precedentemente da Lolita. Durante un ricovero in ospedale, Lolita fugge con ques’ultimo e Humbert perde le sue tracce per tre anni, ritrovandola alla fine della storia gravida di un altro.

 

Per approfondire: https://metismagazine.com/2017/03/03/lolita-recensione-del-capolavoro-letterario-di-nabokov-62-anni-dopo-la-censura/

 

Copyright immagine in evidenza

Rispondi