ATTUALITÀ

DENTRO/FUORI: I TRENTENNI, LA GENERAZIONE DELL’INCERTEZZA

La generazione degli attuali trentenni, o la generazione dei Millennials, ha attraversato lo tsunami della crisi finanziaria e ora si ritrova nella recessione da coronavirus. Una generazione martoriata dall’opinione pubblica, descritta come “rassegnata”, che dovrà ripartire da zero e trovare l’ennesimo escamotage per reinventarsi.

Definita anche la generazione dei “bamboccioni”, quelli che, superati i trent’anni, tengono un piede nell’età giovanile e uno in quella matura. Smarrendone i confini.

Le politiche degli ultimi decenni hanno privilegiato il presente o il breve periodo, rendendo particolarmente difficile, ai trentenni di oggi, guardare in prospettiva con fiducia ed entusiasmo. Lavoretti in nero e mal retribuiti, contratti a tempo determinato, full time mascherati da part time, co.co.co, disoccupazione, stage non retribuiti e tanta visibilità, e per una buona fetta di loro, fuga dall’Italia. Una vita da precari, che non trasmette la sicurezza necessaria per poter crescere davvero, socialmente ed economicamente parlando.

Leggi anche “Generazione X, Y, Z, a confronto: i social”

“Millennial dream”

Il posto fisso resta, per i più, un sogno condiviso, frutto del retaggio culturale di mamma e papà: contratto a tempo indeterminato, creare una famiglia da giovani, mettere da parte qualche soldo.

È pur vero che questo modello di vita appartiene ad un’epoca diversa, alla generazione dell’incertezza non è consentito far progetti a lungo termine. Ma una stabilità contrattuale permette l’accesso a tutta una serie di servizi e opportunità che altrimenti resterebbero precluse: contrarre un mutuo, affittare un appartamento o addirittura un contratto per un cellulare nuovo. Il desiderio di stabilità si combina però al desiderio di fare carriera e alla ricerca di un lavoro stimolante, che magari valorizzi realmente le competenze acquisite nel percorso di studi intrapreso e nei vari corsi di specializzazione, necessari per l’ottenimento di una data posizione lavorativa.

La generazione dell’incertezza

Eppure quella dei Millennials è una generazione abituata a non avere punti fissi: il posto di lavoro a tempo indeterminato è un miraggio, la casa dei genitori è solo un punto di partenza e le possibilità non sono circoscritte all’Italia.

Una generazione iperformata, per volontà o necessità, ha pretesa di distinguersi e non accontentarsi. Questo desiderio è tale che molti sono disposti a cambiare spesso lavoro se l’attuale non soddisfa le loro aspettative. Molti ricercano apertamente carriere internazionali, caratterizzate da un’alta mobilità, prestigio e alte remunerazioni. La giusta remunerazione per il lavoro svolto è considerata un aspetto essenziale della carriera lavorativa: i millennials contano molto sulle loro capacità e si aspettano che il loro impegno venga premiato e riconosciuto.

E la vita affettiva?

L’incertezza della generazione dei millennials non riguarda solo l’ambito lavorativo, ma anche quello affettivo e relazionale. Poiché i dubbi sul proprio futuro lavorativo, rendono instabili anche i progetti di vita adulta, in una fase di crescita in cui tutto ciò si ripercuote pesantemente nel rischio di rinunce definitive sugli obiettivi personali e le scelte di vita. Questo quadro di forte incertezza rischia di frenare le possibilità di carriera e rinviare scelte di autonomia e formazione di una propria famiglia.

La flessibilità è la compagna di viaggio degli under 35: essere pronti a cambiare città, appartamento e punti di riferimento, tutto senza molto preavviso, perché è importante stare sul pezzo, essere reattivi, accaparrarsi l’opportunità. Diventa, quindi, difficile gestire dei rapporti affettivi in assenza di punti fermi; si tende ad effettuare scelte prudenti e non vincolanti.

Quello che i millennials devono affrontare è un mondo complesso, che sembra aperto verso ogni potenzialità, ma che richiede sempre più sacrifici. Guardare avanti per trovare soluzioni alle nuove sfide che la vita propone, è questo il grido di battaglia di una generazione frammentata.


Copyright immagine in evidenza

Rispondi