Magazine

4 OTTOBRE 1957 – LANCIO DELLO SPUTNIK 1

Lo Sputnik 1 è stato il primo satellite artificiale in orbita intorno alla Terra nella storia. Venne lanciato il 4 ottobre 1957 dal cosmodromo di Baikonur, nell’odierno Kazakistan, grazie al vettore R-7 (Semyorka). In russo la parola Sputnik significa compagno di viaggio, inteso come satellite in astronomia.

Il satellite era una sfera di alluminio di 58 centimetri di diametro – circa il doppio del diametro di un pallone da pallacanestro, ndr-, tirata a lucido per riflettere i raggi solari, 83 kg di peso e 4 appendici lunghe 2,5 metri a fare da antenne di servizio all’unico strumento di bordo: un termometro.

Dall’orbita, i dati erano trasmessi a Terra grazie a due trasmittenti alimentate da una serie di batterie zinco-argento. Gli obiettivi della missione erano semplici: raccogliere dati sulle temperature lungo la traiettoria e in orbita.

L’annuncio del successo del lancio venne dato da Radio Mosca la notte tra il 4 e il 5 ottobre 1957. Era uscito alle 7.00 in punto del mattino dall’edificio di integrazione finale e ancora oggi è esattamente alla stessa ora che ogni lanciatore e la sua capsula vengono trasportati sul Treno del cosmo per raggiungere la rampa di lancio.

Con il lancio dello Sputnik 1 l’Unione Sovietica prese in contropiede gli Stati Uniti, che solo il 31 gennaio 1958 mandarono in orbita il loro primo satellite: l’Explorer 1.

Un vero e proprio smacco per gli americani, che erano nettamente indietro nel loro programma spaziale rispetto ai russi – Usa e Urss erano i due “blocchi politico-militari” che si contendevano il mondo, ed erano in piena Guerra Fredda, ndr.

Una volta raggiunta l’orbita stabilita, a 250 chilometri dalla superficie terrestre, lo Sputnik 1 funzionò per 22 giorni consecutivi, finché le sue batterie glielo permisero. I segnali del satellite cessarono il 26 ottobre 1957 e il 4 gennaio 1958 lo Sputnik 1 cominciò ad abbassarsi verso la Terra, fino a bruciare nell’impatto con l’atmosfera. Complessivamente aveva percorso circa 60 milioni di chilometri.

Copyright immagine in evidenza

Rispondi