CULTURA

LA FAMIGLIA COPPOLA: DA BERNALDA A HOLLYWOOD

Sono numerose le famiglie d’arte che hanno costruito la loro carriera nel mondo dello spettacolo, pensiamo ai padri registi, alle madri attrici, ai figli sceneggiatori o musicisti, che hanno sposato a loro volta altri attori e altri registi; come nella storia dell’umanità, anche il mondo del cinema è ricco di dinastie famose che hanno radici principalmente in America e in Italia. 

Tra queste celebri famiglie, ce n’è una la cui storia ha origine in Basilicata, a Bernalda, piccolo comune lucano in provincia di Matera, e che è diventata una delle dinastie più conosciute al mondo. 

La Basilicata è stata da sempre terra di migranti; nell’Ottocento, famiglie di umili origini, tra cui contadini e calzolai, cercavano fortuna lasciando il loro paese di origine per emigrare in America, come Agostino Coppola, nonno del noto regista italo americano Francis Ford Coppola. 

Agostino soprannominato dai paesani “Zumbabalcone”, da ragazzino lavorava come apprendista in un’officina meccanica del paese. Nel 1904, all’età di vent’anni, lasciò la sua casa di Bernalda emigrando verso Ellis Island, a New York, per raggiungere i suoi fratelli con il sogno di fare fortuna. Amava la musica, passione che ha trasmesso ai suoi figli, e dopo aver aperto in seguito una bottega a New York, unì a questa passione anche quella per la meccanica, contribuendo alla nascita del cinema sonoro grazie all’invenzione del Vitaphone per la Warner Bros., un sistema per sincronizzare il sonoro, registrato su disco fonografico, con le immagini cinematografiche. 

I figli di Agostino e Maria Zasa, la moglie, hanno coltivato con successo le passioni del padre, in particolare Antonio divenne un direttore d’orchestra scrivendo opere liriche, Michele un realizzatore di modelli meccanici esposti in musei, e Carmine, inizialmente primo flauto nell’Orchestra Sinfonica di Arturo Toscanini, compositore e direttore d’orchestra newyorchese e noto musicista jazz, ebbe tre figli: Francis Ford Coppola, Talia Shire e August Coppola. 

La straordinaria storia della famiglia Coppola, dedita all’arte, alla musica, al cinema, nasce dal sogno di un uomo che nonostante le difficoltà e la povertà è riuscito a cambiare la sua vita garantendo fortuna e successo ai figli, ai nipoti e ai discendenti. Una storia raccontata recentemente da uno dei parenti di Francis Ford Coppola, il regista Michele Salfi Russo con il docufilm The Family’s Whistle, il fischio di famiglia, tradizione del paese in quanto ogni famiglia di Bernalda aveva il proprio fischio in cui riconoscersi; un’opera che riporta in vita i ricordi d’infanzia e le testimonianze di quanti li conoscevano e che racconta, attraverso immagini inedite, fotografie e interviste esclusive alle diverse generazioni la storia della famiglia. 

Il ricordo rimane vivo ancora oggi, nella memoria della famiglia Coppola, nell’uso del dialetto, nell’amore per il cibo povero della tradizione meridionale come i nostri lambascioni, e nel talento che ha trasmesso alle generazioni successive; proprio il forte senso di appartenenza alla sua terra e alle sue origini, spinge Francis Ford Coppola a tornare spesso nel paese natio, “Bernarda Bella” come ama definirla, dove ha ristrutturato lo storico Palazzo signorile della famiglia Margherita trasformandolo in un resort di lusso, “a dream come true”, un sogno divenuto realtà, come lui stesso ha definito. 

Francis Ford Coppola, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense, vincitore di sei Oscar e numerosi altri prestigiosi premi, considerato uno dei maggiori cineasti della storia del cinema, ha contribuito in maniera determinante alla nascita della New Hollywood consacrandosi autore di grande prestigio con la regia di film come La trilogia del Padrino, La Conversazione, Apocalypse Now e Dracula di Bram Stoker per citare i più famosi. 

Francis Ford Coppola e la Basilicata

Dopo di lui anche la figlia Sofia Coppola è stata una delle prime donne registe che ha ottenuto una nomination agli Oscar e riscuotendo un grande successo con Il giardino delle vergini suicide e Lost in Translation, mentre il fratello, Roman Coppola, anche lui attore, è maggiormente conosciuto come produttore e regista di tantissimi cult video negli anni 90 di band iconiche quali The Strokes, Green Day per citarne alcune.

L’albero genealogico della famiglia si estende fino ad arrivare ai nipoti di Francis Ford Coppola, anche loro hanno fatto strada nel mondo del cinema; il noto attore Nicolas Kim Coppola, in arte Nicolas Cage, ha cambiato il nome in Cage per la passione che nutre per Luke Cage, il personaggio dei fumetti Marvel Comics, mentre Jason Schwartzman, figlio del produttore Jack Schwartzman e dell’attrice Talia Shire, sorella di Francis, ha cominciato come batterista per poi diventare attore con il leggendario film Rushmore. 

Gia Coppola e il nonno Francis Ford Coppola (Vanity Fair)

La dinastia Coppola non è ancora terminata, anche la terza generazione ha ereditato quello che il nonno Agostino ha trasferito ai suoi eredi determinandone il successo internazionale. L’ultima erede Gia Coppola, figlia di Gian Carlo, scomparso prima della sua nascita, e nipote di Francis Ford Coppola, è la più giovane della famiglia; fotografa, regista, artista, ha ereditato passioni, talento e un grande patrimonio di conoscenze dal nonno, che ha supportato la sua crescita, e di cui le piace ricordare il famoso aforisma di Voltaire che è solito ripeterle “Perfect is the enemy of good”, fare bene le cose senza pretendere la perfezione, un saggio consiglio che si spera possa ispirare le prossime generazioni così da mantenere alto il nome dei Coppola anche negli anni a venire. 

copyright copertina 1

 

Rispondi