Metis Cinema

I 5 FILM ‘BELLI & INVISIBILI’ DA NON PERDERE SULL’AUTISMO

I protagonisti di “Rain Man“, “Forrest Gump” e “Buon compleanno Mr. Grape” (e che dire dell’ormai cortometraggio in stop motion di culto “Mary and Max“?) sono oramai entrati a far parte del vocabolario emotivo di ogni cinefilo ma ci sono altre pellicole poco note che sono state in grado di trattare il tema dello spettro autistico con la medesima attenzione e singolare delicatezza.

Noi oggi ve ne proponiamo cinque in particolare.

Per scoprire altre piccole perle non perdetevi, però, il cinemAutismo, la prima rassegna cinematografica gratuita e online volta a sensibilizzare il pubblico sul tema dell’autismo.

Rosso d’autunno

Rosso d’autunno (Silent Fall) è un thriller del 1994 diretto da Bruce Beresford con protagonisti attori del calibro di Richard Dreyfuss, Linda Hamilton e Liv Taylor.

Il noto psichiatra Jake Reiner, specializzato nella cura dell’autismo dovrà affrontare gli spettri del passato dopo che un suo paziente, il piccolo Tim, sarà accusato di aver ucciso brutalmente i suoi genitori dormienti. Al momento dell’aggressione era presente anche la sorella del bambino che però non sembra ricordare nulla visto che la soluzione dell’omicidio è custodita solamente da Tim, terrorizzato e chiuso in un diffidente e terrorizzato mutismo. Riuscirà il dottor Rainer a scardinare i lucchetti della blindatissima mente di Tim?

Molto forte, incredibilmente vicino

Molto forte, incredibilmente vicino (Extremely Loud and Incredibly Close)  è la fedele trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer.

Diretto nel 2011 da Stephen Daldry, la pellicola racconta di Oskar Schell (Thomas Horn), un ragazzo affetto dalla Sindrome di Asperger che ha perso il padre (Tom Hanks) nell’attacco terroristico del World Trade Center dell’11 settembre. Quando, nell’armadio del genitore defunto, trova una chiave e un nome, Black, Oskar trova anche la spinta e l’alibi che gli mancavano per incontrare tutti i 472 Black di New York City e testare le loro serrature nella speranza che quella chiave possa schiudergli un ultimo messaggio del padre. Ogni tappa di questa avventura aiuterà il ragazzo, così, a conoscersi meglio e a superare gli ostacoli che fissi dentro di lui lo allontanano dagli altri.

Adam

Adam è un film del 2008 diretto da Max Mayer con protagonisti Hugh Dancy e Rosa Bryne e vincitore, lo stesso anno, al Sundance Film Festival del Premio Alfred P. Sloan.

A 29 anni, dopo la morte del padre, Adam Raki è solo al mondo. Appassionato di astronomia, lavora come ingegnere dedito allo sviluppo dell’elettronica di una fabbrica di giocattoli, e non ha rapporti sociali a causa della sua sindrome di Asperger che non lo rende capace di comunicare con facilità. Un giorno nel suo piccolo condominio di Manhattan arriva Beth Buchwald, un’affascinante insegnante che sta cercando di iniziare una carriera nella letteratura per ragazzi. Adam se ne innamora ma ha difficoltà ad esprimere la sua attrazione e la frequentazione amorosa che i due svilupperanno pian piano dovrà fare i conti con la malattia di lui e la difficile difficile situazione familiare di lei.

La voce del silenzio

La Voce Del Silenzio (House of Cards) è un film drammatico del 1993 ddiretto da Michael Lessac, con Tommy Lee Jones, Asha Menina, Kathleen Turner, Shiloh Strong, Esther Rolle e Park Overall.

Sally è una bambina di 4 anni che, dopo la morte inaspettata del padre, si rinchiude in sé e non parla più nonostante sia dotata di una intelligenza fuori dal comune. Sally soffre di una grave forma di autismo e non solo non parla e non risponde agli stimoli esterni rimane a tratti assorta in una specie di sonnambulismo pericoloso, che la porta ad arrampicarsi sugli alberi e a camminare sui tetti e lungo le grondaie in terrificanti prove di equilibrio. La madre coraggio Ruth lotterà per salvare la sua bambina dalle cure psichiatriche cercando, con l’aiuto dello specialista di psichiatria infantile, Jacob T. Beerlander di penetrare dentro la segreta interiorità di Sally con ogni mezzo possibile.

Tutto ciò che voglio

Tutto ciò che voglio (Please Stand By) è un lungometraggio diretto dall’australiano Ben Lewin con protagonista Dakota Fanning e Tony Collette e presentato in anteprima mondiale alla Festa del cinema di Roma nel 2017 nella sezione Alice nella città.

Wendy è una bella ventunenne affetta da una leggera sindrome di autismo che la porta ad avere alcuni attacchi d’ansia nei momenti di maggior stress emotivo. Appassionata in maniera quasi maniacale della longeva serie di di  Star Trek, decide un giorno di partecipare a un concorso della Paramount Pictures che ricerca una sceneggiatura per un film della sua amata saga e per far consegnare a mano il suo elaborato scappa dall’istituto per raggiungere, assieme al suo fedele cagnolino, Los Angeles. Affronterà, così, la sua prima avventura fuori dalla comfort zone per confrontarsi più che con gli altri con i suoi limiti.

(Copyright immagine in evidenza)

Advertisements

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.