MetisMagazine

LE 5 COPPIE PIÙ ROMANTICHE DELLE SIT-COM

Incasinate, buffe e innamoratissime: queste sono le 5 maggiormente iconiche e indimenticabili coppie delle sit-com più seguite negli ultimi anni!

5. Leslie & Ben (Parks and Recreation)

Una caratteristica delle coppie equilibrate è quella di riuscire a non annullarsi vicendevolmente e su questo ne sanno di certo qualcosa Leslie (Amy Phoeler) e Ben (Adam Scott), i due rampanti quarantenni di “Parks & Recreation” che, dopo aver attraversato in passato le forche caudine di alcune relazioni disastrose, riescono a raggiungere un arioso connubio tra le proprie ambizioni lavorative e i bisogni del partner. I due costruiscono prima un’inossidabile amicizia per poi inevitabilmente innamorarsi l’una dell’altro tanto da riuscire a costruire un rapporto d’acciaio intessuto di sostegno, confronto e collaborazione. Quando ad esempio Leslie decide di candidarsi come consigliere Ben è il suo primo sostenitore e al contempo lei non esiterà a frenare le sue ambizioni rinunciando ad un’offerta lavorativa a Londra quando le sue ambizioni risulteranno troppo ingombranti all’interno della loro relazione. Il loro è un amore che viaggia costantemente sulla stessa lunghezza d’onda e sulla certezza di voler sempre essere il primo tifoso e sostenitore dell’altro, senza che ci siano fusi orari, invidie o distanze che ne ostacolino il supporto. Insomma non è mai troppo tardi per incontrare il grande amore della propria vita soprattutto se poi lui, quando hai l’influenza, ti porta direttamente a letto i waffle caldi di JJ’S Diner!

4. Rachel & Ross (Friends)

Per tutti quelli iscritti al team dei “grandi amori che fanno dei giri immensi e poi ritornano“, Ross (David Schwimmer) è innamorato dal liceo di Rachel (Jennifer Aniston) ma dovrà aspettare parecchi anni affinché lei si accorga finalmente di lui. Dopo una romantica dichiarazione sotto un planetario illuminato dalle stelle, la loro relazione fatta di tira e molla subisce una virata durante il matrimonio di Monica e Chandler quando Rachel scopre di essere incinta di Ross anche se dovremo aspettare l’ultima stagione affinché i due capiscano definitivamente di non poter fare a meno l’una dell’altra. E questo finale è rassicurante per tutti quelli che credono che alcune storie d’amore, nonostante i continui pasticci, i tradimenti, le incomprensioni e le liti furibonde, possano trovare una loro interezza grazie alla perseveranza e alla determinazione di non volersi perdere di nuovo.  Ross e Rachel non hanno mai smesso di piacersi e in qualche modo sono sempre tornati indietro perché come ci insegnano su alcuni amori, a volte, bisogna lavorarci con molta pazienza e lentezza. Jennifer Aniston ritiene tuttora che il successo planetario di questa love story televisiva che ha appassionato milioni di telespettatori dipenda dalla percepibile chimica scoccata tra i due attori:

«Penso che io e David ci amassimo – ci amiamo ancora oggi – e che si percepisse anche dall’altro lato dello schermo. E poi credo che per i fan quello che c’era tra Rachel e Ross fosse qualcosa di molto riconoscibile: l’amore per una persona che non puoi avere o quello che provi per una persona con cui vorresti tantissimo riuscire a stare ma con cui per qualche ragione non funziona.»

3. Lily & Marshall (How I Met Your Mother)

Poche ragazze possono dirsi così fortunate da aver sposato il primo fidanzato del collage e tra quelle c’è sicuramente la volitiva Lily (Alyson Hannigan) che ha incontrato il timido ragazzone del Minnesota Marshall (Jason Segal) addirittura il primo giorno di università quando casualmente aveva bussato alla porta della sua stanza nel dormitorio. Di fronte a questa minuta ragazza tutto pepe, Marshall abbandonerà sin da subito i suoi progetti di divertirsi con altre ragazze e Lily quello di viaggiare come pittrice attorno al mondo perché si sa che quando improvvisamente arriva la persona giusta sarebbe un sacrilegio farsela scappare e non desiderare di condividere immediatamente tutta una vita con lei fino ad invecchiare giocando a poker sotto un portico al tramonto. La relazione di Lily e Marshall è pucciosa e disordinata, un tripudio di attrazione fisica reciproca e rituali confidenziali (come l’abitudine di lei di andare a riprenderselo all’aeroporto portandogli per regalo la sua cassa di birra preferita). Nella prima stagione Lily non osa neanche fare pipì davanti a Marshall mentre nell’ultima la porta del bagno non viene neanche più chiusa ed è forse questo piccolo particolare a definire la rilassatezza del trascorrere del tempo con una persona ovvero quando l’abitudine quotidiana più che un ostacolo diventa un’appagata rassicurazione.

2. Elliot & JD (Scrubs)

Come possono due insicuri cronici, ansiosi e strampalati dottori riuscire a costruire un amore radioso e sicuro? Se JD (Zach Braff), sempre alla ricerca di approvazione e impaurito dall’avere un legame stabile con una donna, riesce col tempo ad accrescere non solamente la propria autostima ma anche ad acquisire una matura consapevolezza sentimentale, Elliot (Sarah Charlke) sarà in grado di scendere a patti con le sue angosce scambiandole con un rapporto sentimentale più tranquillizzante e meno problematico. JD ed Elliot sono davvero l’amore della vita dell’altro. I due medici più strambi dell’ospedale Sacro Cuore riescono a superare la paura di poter rovinare, fidanzandosi, la loro amicizia quando capiranno che nessuna vita di coppia è in realtà mai all’altezza delle proprie sognanti aspettative visto che, come rivelato loro da Kelso, stare assieme significa in primis abbattere le proprie illusioni di perfezione e “fare solo ciò che rende più felici” anche quando tutto attorno può fare rumore.

1. Jamie & Paul (Innamorati Pazzi)

La sitcom degli anni ’90 che per prima è riuscita a raccontare quei compromessi e alcune rinunce che ogni coppia deve affrontare nel quotidiano è sicuramente “Innamorati pazzi“. Paul (Paul Reiser) e Jamie (Helen Hunt) hanno il tipo di relazione in cui non sono presenti ruoli di genere tradizionali e dov’è magari lui a preparare la cena quando lei non è ancora tornata a casa dal lavoro oppure ad occuparsi della bambina quando Jamie inizialmente non è pienamente in grado gestire la sua nuova dimensione materna. Perché nonostante i battibecchi, l’invecchiamento, i lutti, le incomprensioni e la caotica crescita di una scatenata figlia, Paul e Jamie sono lì per noi sullo schermo a insegnarci che continuare ad amarsi è possibile persino e soprattutto quando la vita ci ammanta, con trascorrere dei giorni, di uno venato disincanto.

(Copyright immagine in evidenza)

Advertisements

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.