Metis Oggi

IL 3 OTTOBRE 1837 NASCE IL BREVETTO DEL CODICE MORSE

Il 3 ottobre 1837 Samuel Morse brevetta il codice, detto anche alfabeto Morse, un sistema per trasmettere lettere, numeri e segni di punteggiatura per mezzo di un segnale in codice ad intermittenza. Fu sperimentato per la prima volta l’8 gennaio del 1848 in presenza di una Commissione del Franklin Institute di Philadelphia. Il codice Morse, a differenza dei moderni codici binari che usano solo due stati (comunemente rappresentati con 0 e 1), ne usa cinque: punto (•), linea (—), intervallo breve (tra punti e linee all’interno di una lettera), intervallo medio (tra lettere) e intervallo lungo (tra parole). Il codice Morse originale consisteva in combinazioni di punti e linee ognuna corrispondente a un numero. A sua volta ogni numero corrispondeva a una parola ricavabile attraverso la ricerca del numero in un apposito libretto, i numeri venivano trasmessi mediante l’uso del tasto telegrafico.

Sebbene Morse fosse l’inventore del telegrafo, chiese la collaborazione di Alfred Vail suo collaboratore che sviluppò un sistema nel quale ogni lettera o simbolo veniva inviata singolarmente usando una combinazione di punti, linee e pause. Il codice Morse fu subito considerato lo standard per la codifica delle informazioni ed ebbe un così ampio e incontrastato successo che nessun altro sistema alternativo riuscì a sostituirlo, rimanendo lo standard internazionale per le comunicazioni marittime fino al 1999. Il codice ancora oggi rappresenta la prima forma di comunicazione digitale esistente prima dell’arrivo dei nuovi mezzi di comunicazione oggi da tutti noi utilizzati.

copertina

Advertisements

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.