CULTURA

Ennio Maria Petruzzella presenta la sua poetica opera “Almanda – Il viaggio”.

Casa Editrice: Les Flâneurs Edizioni

Collana: Lumière

Genere: Narrativa contemporanea

Pagine: 202

Prezzo: 15,00 €

«Giulio era certo che gli abitanti di Almanda sarebbero stati in grado di estrarre gli antichi e perduti significati da tutti i volumi che avrebbero, da quel giorno in poi, potuto riempire le miniere della città che andavano a fondare. Allo stesso modo avrebbero vissuto una nuova vita le poesie, sicuramente celate in volumi tenuti da troppo tempo lontani dai cuori degli uomini, e tutti gli amori o le tragedie e le passioni rimaste congelate tra copertine rigide e troppo spesso del tutto anonime. Così Giulio Flaviano aveva immaginato gli uomini della propria città: intenti a filtrare i misteri del mondo all’interno delle loro miniere e a trasformarli in favole, storie bellissime, tragedie sanguinarie e avventure desiderabili abitate da un qualsiasi drago o ciclope o minotauro altrimenti perduto nell’oblio del mondo»: Ennio Maria Petruzzella ci racconta una storia magica e onirica nel suo romanzo “Almanda – Il viaggio”. Un’opera straordinaria, ricca di fascino e di poesia, in cui si narra del sogno di Giulio Flaviano, un uomo che ha deciso di costruire la città dei suoi desideri. Almanda ancora non esiste, se non nel cuore di Giulio; egli già immagina il fiume Dieng, e le alte montagne che la circondano. Egli decide di creare un sogno «in grado di entrare nel cuore degli uomini, magari di tutti gli altri uomini, e soprattutto nel suo, e diventare un progetto inafferrabile e magnifico che lo votasse all’avventura e alla vita»: con questo proposito ben saldo nella sua mente, Giulio raduna persone speciali e ristruttura una nave adatta allo scopo di portarli oltre l’oceano, in un luogo – «il punto di convergenza delle forze oniriche che tagliavano la crosta terrestre» – dove ogni desiderio sarebbe divenuto realtà. L’autore ci conduce nella materializzazione del sogno di Giulio, mostrandoci la tenacia con cui affronta ogni difficoltà; ci porta poi insieme a lui sulla nave Alcazar e fin sulle coste della futura città. La storia non si interrompe però quando Giulio raggiunge il suo scopo; c’è ancora da raccontare l’avventurosa vicenda di Julius Landsdale, abitante di Almanda. Sono trascorsi cento anni dalla sua fondazione, e il popolo vive felice e in armonia, finché un evento non turba la loro tranquillità: il sole, improvvisamente, non sorge più. Sarà compito di Julius trovare la verità su questo strano fenomeno, e garantire la sopravvivenza di una città che è qualcosa di più di un semplice luogo: ha infatti un cuore che batte nelle sue profondità. 

Contatti

Advertisements

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.