MetisMagazine

IL SILENZIO GRANDE DI ALESSANDRO GASSMANN

Presentato in anteprima alla diciottesima edizione delle Giornate degli Autori, rassegna autonoma all’interno della Mostra del Cinema di Venezia (in sala dal 16 settembre 2021), Il silenzio grande, segna il ritorno alla regia di Alessandro Gassman, quattro anni dopo. L’opera è tratta dall’omonima pièce teatrale di Maurizio De Giovanni che ha debuttato due anni fa, ma che a causa delle restrizioni anti-Covid non ha potuto più essere messo in scena. De Giovanni ha firmato anche la sceneggiatura insieme ad Andrea Ozza e lo stesso Gassmann.

Cinema e teatro si fondono in un film che, seppur ambientato negli anni Sessanta, risulta attualissimo. Un film che tra risate e commozione fa emergere l’importanza e l’uso della parola, della comunicazione, dello scambio perché come sentenzia Bettina, interpretata dalla straordinaria attrice napoletana, Marina Confalone, “Il silenzio piccolo è quando pensi ‘devo assolutamente dirglielo’ e poi ‘no, non fa niente, meglio che mi sto zitto’. Un silenzio piccolo più un silenzio piccolo più un silenzio piccolo… fa un silenzio grande, e il silenzio grande fa paura” ma anche il rumore generato dal chiacchiericcio inutile può creare altrettanti danni.

LA TRAMA 

“Tante parole non dette, perché troppo importanti, perché si ha paura di sprecarle, portano a tanti piccoli silenzi che, insieme, formano un silenzio grande, impossibile da colmare”. 

Il silenzio grande vede protagonista Valerio Primic (Massimiliano Gallo), uno scrittore prolifico e talentuoso alle prese con un blocco artistico che ne ha prosciugato l’ispirazione.  Vive con la moglie Rose (Margherita Buy), i figli Adele (Antonia Fotaras) e Massimiliano (Emanuele Linfatti) e la governate Bettina (Marina Confalone) a Villa Primic, un tempo abitazione di prestigio con vista su Capri e ora messa in in vendita proprio dalla stessa Rose, in parte sostenuta dai figli. L’ex villa lussuosa è il simbolo di un prestigio che però ha soffocato la vita della famiglia, soprattutto di Valerio.

Sono quelle mura, sono quegli spazi a rivivere insieme ai ricordi, ai sentimenti ai rimpianti. Quegli spazi non vissuti dal protagonista chiuso nel suo studio biblioteca in cerca di ispirazione per un nuovo successo che però non arriva. Quel silenzio che lo stesso protagonista ha instaurato. Da tempo infatti le incomprensioni e i malumori hanno creato una distanza incolmabile, un equilibrio instabile e precario.

Il silenzio grande è la storia di una famiglia dove l’incomunicabilità regna sovrana.  “Il silenzio è una malattia e voi vi siete ammalato senza neanche accorgervene”, dice Bettina a Valerio. Quel silenzio grande accumulato negli anni tra Valerio ed i suoi cari non può che non essere distruttivo.

CAST&PRODUZIONE 

Prodotto da Paco Cinematografica di Isabella Cocuzza e Arturo Paglia in collaborazione con Vision Distribution, in collaborazione con Amazon Prime Video, SKY e Rai Cinema, oltre al contributo della Regione Campania – POR FESR Campania 2014-2020 Azione 3.3.2 – la collaborazione di Film Commission Regione Campania e con il sostegno della Regione Lazio – Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo. Una coproduzione italo-polacca Paco Cinematografica – Agresywna Banda. Il film distribuito da Vision Distribution è ora disponibile su Amazon Prime. Nel cast troviamo oltre ai già citati Massimiliano Gallo e Marina Confalone anche Margherita Buy e i giovani ma talentuosi Antonia Fotaras (“La prima regola”, “Il nome della rosa. La serie”) e Emanuele Linfatti, alla sua prima apparizione sul grande schermo.

Copyright immagine in evidenza

Advertisements

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.