Caro John

AMICIZIA A RISCHIO?

Caro John,

mi chiamo Marzia ho 25 anni e vivo in un paesino della provincia di Palermo.

Da alcune settimane sono molto turbata perché ho scoperto che Massimo, il mio migliore amico, una persona che considero come un fratello, ha parlato male di me con un conoscente comune. 

Premetto subito che le cose dette non sono gravi, però, l’aver scoperto che una persona con la quale avevo un rapporto di totale fiducia e affetto abbia detto determinate cose alle mie spalle senza parlarne, in primis, con me mi ha ferita.

In questo momento è come se mi sentissi “tradita” perché pensavo che alla base del nostro rapporto, che va avanti da oltre 15 anni, ci fosse il pieno rispetto e la totale sincerità e non riesco a comprendere, come mai, abbia sentito la necessità di criticarmi con una terza persona con la quale non ha neanche un’amicizia così stretta.

Mi illudevo di avere un rapporto d’amicizia unico e autentico mentre ora mi ritrovo a chiedermi se sia veramente così.

Cara Marzia, 

le relazioni con gli amici, soprattutto se molto strette, così come i rapporti con i propri compagni/e non sono mai semplici e lineari.

Spesso subentrano fattori e dinamiche che portano le persone alle quali siamo più legate a ferirci, anche se inconsapevolmente.

Tu e Massimo, sicuramente, avete uno di quei rapporti ormai rari nei quali si condivide tanto, soprattutto dal punto di vista affettivo e questo è un qualcosa che non puoi non tenere in considerazione.

Di contro è umanamente logico che tu ti senta in questo modo dopo aver inconsapevolmente scoperto che una delle persone delle quali ti fidavi di più abbia preferito parlare alle tue spalle più che essere schietta.

Ti suggerisco, quindi, di prenderti del tempo per meditare e capire se questo è solo un piccolo incidente di percorso sul lungo binario della vostra amicizia o se per te è impossibile dimenticare quanto accaduto.

Nel caso decidessi di voler salvare il vostro rapporto d’amicizia ti suggerisco di parlare schiettamente con Massimo: uscite, bevete una birra, litigate, alzate, persino, la voce e ricostruite insieme le basi del vostro rapporto.

Annunci

Rispondi