Metis Oggi

24 LUGLIO 1911: SCOPERTA DEL MACHU PICCHU

Per l’immaginario collettivo si tratterebbe dei resti di un’antica città perduta; Machu Picchu, il cui significato rimanda a quello di “vecchia montagna”, è un sito archeologico Inca che domina la Valle dell’Urumbaba, in Perù, sulla quale la “città perduta” si erge imponente garantendo a tutti coloro che riescono a raggiungerne la vetta, una vista da mozzare letteralmente il fiato.

Si pensa che le rovine di Machu Picchu fossero quelle di una città costruita dal primo imperatore inca Pachacútec, intorno al 1440, per essere abitata fino alla conquista spagnola, occorsa circa un secolo dopo; dopo l’assedio spagnolo la città sarebbe stata abbandonata e – anche per via della sua ubicazione impervia – sarebbe stata dimenticata per ben quattrocento anni.

La riscoperta di questo sito archeologico tra i più belli al mondo, si deve allo storico statunitense Hiram Bingham che lo rinvenne durante una esplorazione finalizzata alla ricerca dell’ultima capitale inca, Vilcabamba.

Il fortunoso ritrovamento risale il 24 luglio del 1911; da tale momento, proprio grazie all’intuito dell’esploratore, che percepì sin da subito l’importanza straordinaria del sito, gli scavi iniziarono e proseguirono per circa quattro anni.

Machu Picchu ha una conformazione morfologica ben definita; l’area edificata ha una lunghezza di 530 metri ed una larghezza di 200 metri e poggia su 172 livelli. Tale area si divide in due zone; quella agricola costituita dalle terrazze che venivano utilizzate per la coltivazione e godevano dell’esposizione a sud, e quella urbana, dove vivevano gli abitanti della città ed ove si sviluppavano le principali attività civili e religiose.

Il 7 luglio 2007 sono state proclamate a Lisbona le Nuove Sette Meraviglie del Mondo ed una tra queste fu proprio Machu Picchu; alla scelta di tale data, nell’ambito di un concorso sul quale si opinò in maniera piuttosto polemica, si pervenne proprio per la ricorsività del numero sette: il 07/07/2007 per l’elezione di 7 nuove meraviglie.

Machu Picchu è davvero un luogo eccezionale, se non altro per il colpo d’occhio che premia il visitatore che sale a 2430 metri sul livello del mare, esperienza non proprio ordinaria e che merita sicuramente di essere vissuta almeno una volta nella vita.

Per approfondire continua a leggere Machu Picchu, nuova meraviglia del mondo.

Rispondi