Metis Oggi

WATERGATE, LO SCANDALO DEL XX SECOLO

Un vigilante scopre cinque scassinatori in azione nella sede del Partito Democratico al Watergate Hotel di Washington. Ben presto la polizia si rende conto di non trovarsi di fronte a un banale tentativo di furto, ma a una vera e propria azione di spionaggio orchestrata dallo staff del presidente Richard Nixon (membro del Partito Repubblicano), poi costretto alle dimissioni.

https://metismagazinecom.wordpress.com/2020/04/03/watergate-lo-scandalo-che-sconvolse-gli-usa/

Watergate è il nome di un complesso di edifici di Washington, nei quali hanno sede alberghi e uffici e che ha dato il nome allo scandalo politico più clamoroso di tutti i tempi.Qui aveva sede il quartier generale del Comitato nazionale democratico, impegnato nella campagna elettorale alle porte, che decreterà vincitore per la seconda volta il repubblicano Richard Nixon. La notte del 17 giugno 1972 la polizia arrestò cinque persone che con uno scasso si erano introdotte all’interno dell’Hotel Watergate di Washington.

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE (1976)

Diretto nel 1976 da Alan J. Pakula, Tutti gli uomini del presidente (All the President’s Men), si basa sull’omonimo saggio scritto dai giornalisti Bob Woodward e Carl Bernsteindel Washington Post e ripercorre l’inchiesta condotta dai due reporter che nel 1972 portò allo scandalo Watergate e alle dimissioni di Nixon. Ad interpretare i due reporter da Dustin Hoffman e Robert Redford. Il film, oltre ad ottenere un grande successo di pubblico e di critica, ha ricevuto otto candidature agli Oscar vincendone quattro, tra cui quelli a William Goldman per la migliore sceneggiatura non originale e a Jason Robards come miglior attore non protagonista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...