RUBRICHE

MAYWEATHER CONTRO MC GREGOR

Pensate agli sport da combattimento come le arti marziali e alle filosofie orientali applicate. Poi pensate ai più grandi campioni che negli anni hanno fatto di queste discipline dei veri e propri mondi paralleli allo sport che, a volte, si sono amalgamati perfettamente alla vita degli sportivi stessi. E infine, dite la verità, vi sono venuti in mente grandi campioni come Mohamed AlìMike TysonBruce Lee e tanti altri mostri sacri.

Bene, immaginate poi che per creare un evento senza precedenti venga, per esempio, organizzato un match tra Mike Tyson e Bruce Lee, che combattono sul ring senza esclusione di colpi, non tanto per il gusto di capire chi sia il migliore nella sua disciplina, ma solo (e lo sport moderno insegna) per una questione di guadagno o per marketing, per quello “show” che deve andare sempre e comunque avanti.

Ecco, questo prologo non è nient’altro che l’anticipazione di quello che da qui a qualche mese si potrebbe verificare. Il match più ricco di sempre potrebbe prendere vita mettendo l’uno contro l’altro due fuoriclasse del pugilato e delle MMA (Mixed martial arts ndr).

Da una parte “Mister Money” Floyd Mayweather, il pugile americano che ha guadagnato quasi 800 milioni di dollari in carriera, che ha vinto 49 incontri su 49, che ha portato una categoria inferiore della boxe ai massimi livelli, che ha combattuto con De La Hoya e Pacquaio e si è da poco ritirato. Mayweather ha praticato un pugilato sempre difensivo e che ha fatto sognare gli sportivi di tutto il mondo  più per la sua vita sregolata che per le vittorie sul ring.

Con un padre, Mayweather senior, che ha fatto una carriera conosciuta più al cospetto della legge e che proprio per questo, ha trasmesso alla prole i “sani” principi dello sport, non sorprende che, entrando a casa  di Mayweather jr., a lasciare di stucco sia più il parco macchine che i guantoni.

Infatti, emblematica è la foto in cui il pugile si lascia immortalare disteso sul letto di un albergo, circondato da centinaia di banconote vinte in un incontro.

Dall’altra parte, invece, abbiamo Conor Mc Gregor, irlandese, campione dell’UFC, “mamma santissima” delle MMA. Un tizio barbuto che nella gabbia ha quasi sempre messo a terra i suoi avversari, in ogni modo possibile. Acclamato nel mondo soprattutto perché, quest’arte marziale, sta avvicinando alla disciplina i ragazzi di ogni parte del mondo. Uno sport che ha fuso le discipline del jujitsu, del thai, della boxe e della lotta greco-romana, condendole con una notevole dose di cattiveria. Tante regole che quasi sembrano inesistenti, visto che a conti fatti, gli avversari possono colpirsi sempre e ovunque.

Questi due giovanotti, quindi, potrebbero incontrarsi in un match di pugilato storico (Mc Gregor proviene infatti dalla boxe ndr). L’indiscrezione, arriva da Mayweather stesso che, oltre a prendere una borsa di quasi 200 milioni di dollari, ha offerto all’irlandese, pur di averlo come avversario, quasi 50 milioni di dollari.  Mayweather, nonostante si sia ritirato da alcuni anni, vorrebbe combattere il suo cinquantesimo incontro e, da buon macchina da soldi, vorrebbe rimpinguare la propria pensione. Insomma un esibizionista 2.0 che vorrebbe far dimenticare le prodezze di campioni cinematografici come Apollo Creed e Ivan Drago della famosa saga di Rocky Balboa.

Conor Mc Gregor pare, di contro, di aver accettato sia per la cifra in palio (un’utopia per le MMA), che per la convinzione di battere Mayweather in una manciata di secondi.

Le prossime settimane, forse i prossimi mesi, ci diranno se il match da combattimento più ricco della storia verrà combattuto. I presupposti hanno fatto venire, comunque, già l’acquolina in bocca agli amanti del genere, ma soprattutto ai bookmakers e inevitabilmente agli sponsor che, più di tutti, contribuiranno allo svolgimento dello show.

Annunci

Rispondi